Categories
Uncategorized

Bambini e COVID-19 – Dubravka Suica e Didier Reynders

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

Bambini e COVID-19 – Dubravka Suica e Didier Reynders
I bambini non dovrebbero diventare le vittime silenziose di questa crisi

Molti bambini hanno trascorso una quantità maggiore e spesso incontrollato di tempo online, che aumenta la loro vulnerabilità ai rischi del mondo digitale. FOTO: SHUTTERSTOCK.COM
Il COVID-19 pandemica è una tragedia umana di proporzioni enormi. Spesso sentiamo dire che questa è una malattia che non discrimina, ma in pratica, è vero il contrario. I gruppi vulnerabili – anziani, senza tetto o persone con sottostante le condizioni di salute, ad esempio – sono a maggior rischio, come lo sono le donne che compongono un numero sproporzionato di lavoratori essenziali e badanti a diretto contatto con il virus.

--------------------------------------------------------------------------------------------------



Siate invece benevoli gli uni verso gli altri, misericordiosi, perdonandovi a vicenda come Dio ha perdonato a voi in Cristo.


Subscribe By E-mail:

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner



----------------------------------------------------------------------------------------------

I bambini sono stati profondamente colpiti dalle misure adottate per contrastare la diffusione della malattia. Pertanto, come disegniamo i nostri piani di recupero, dobbiamo fare in modo che i bambini non diventano le vittime silenziose di questa crisi, tenendo conto delle loro esigenze e dei diritti, e dando loro voci e le preoccupazioni il posto che meritano.

In tutto il mondo, circa 1,5 miliardi di bambini non vanno a scuola a causa di confinamento. Le nuove tecnologie hanno contribuito a sostenere l’apprendimento dei nostri figli e per rimanere in contatto. Eppure a differenza degli adulti, i bambini sono in una fase di sviluppo della loro vita, durante il quale l’impatto della crisi è di gran lunga maggiore.

Essendo la scuola ha un maggiore impatto molto su un bambino che per un adulto di essere fuori ufficio per lo stesso periodo di tempo. Molti bambini stanno vivendo stress emotivo a causa di allontanamento fisico e incertezze per il loro futuro.

Come il nostro nuovo può richiedere l’apprendimento a distanza continua normale, uguale e libero accesso a un’istruzione di qualità digitale ed educativo programmazione TV pubblica deve essere rafforzata. Anche perché l’interruttore per la scuola a casa e istruzione on-line ha messo a nudo le disparità di accesso all’istruzione per i bambini provenienti da famiglie svantaggiate, con i genitori o accompagnatori che non sempre sono in grado di aiutare a fare i compiti, o forniscono accesso alle attrezzature tecnologiche o internet.

Molti bambini hanno trascorso una quantità maggiore e spesso incontrollato di tempo online, che aumenta la loro vulnerabilità ai rischi del mondo digitale. Dobbiamo fare in modo che i bambini sono equipaggiati con gli strumenti e le conoscenze di cui hanno bisogno per essere sicuri on-line. I genitori e gli insegnanti devono anche essere sostenuti nei loro ruoli, anche per quanto riguarda le nuove tecnologie, educativo.

Per i bambini che già vivono in condizioni socio-economiche precarie, l’accesso al supporto e ai servizi sociali è stato ulteriormente limitato, rischiando maggiore povertà come il reddito dei loro genitori sono colpiti dalla ricaduta economica della crisi. La violenza domestica è aumentato, con i bambini e le donne le più colpite.

I bambini sono stati profondamente colpiti dalle misure adottate per contrastare la diffusione della malattia
– Dubravka Suica e Didier Reynders
Molto abusi avviene inosservato, a porte chiuse, lontano dagli occhi di insegnanti o assistenti sociali. Grazie alla legislazione europea, ogni Stato membro dell’UE ha ora un Telefono azzurro (116 111 numero europeo) e un numero verde minori scomparsi (116 000 numero europeo) in luogo. Oggi, più che mai, è fondamentale che questi servizi siano adeguatamente supportati, finanziato e accessibile a tutti i bambini bisognosi. E abbiamo bisogno di fornire aiuto per i problemi di salute dei bambini – tra cui la loro salute mentale – per esempio attraverso il sostegno psicosociale, consulenza, sociale e dei servizi di protezione.

Molti bambini che vivono in cura non sono stati in grado di vedere le loro famiglie per settimane o sono stati mandati a casa indietro per un lungo periodo di tempo, senza un adeguato sostegno sia durante che dopo il periodo di confino. Bambini in carcere minorile devono affrontare sfide simili. La faccia crisi che richiede sforzi per garantire l’accesso ai sistemi di giustizia a misura di bambino e di crisi-resilienti.

Tutto questo spiega perché sarà fondamentale che incorporare un forte dimensione diritti dei bambini nei nostri sforzi di recupero e piani di risposta. Riparazione nostro tessuto sociale e preparare un futuro migliore per i nostri figli e le generazioni a venire è al centro della politica di recupero da parte della Commissione europea del 27 maggio nostra proposto un contributo è quello di fornire un sostegno finanziario alle misure di lotta contro la povertà infantile.

La commissione presenterà un’agenda Competenze per l’Europa e un piano d’azione aggiornato digitale Istruzione che includerà le competenze digitali dei bambini. La Commissione proporrà inoltre una garanzia europea per bambino nel 2021 al fine di garantire che tutti i bambini abbiano accesso a servizi di base come la sanità e l’istruzione.

Abbiamo bisogno di raggiungere i bambini ei giovani ad essere in grado di comprendere realmente le realtà che hanno vissuto durante questa pandemia. Questo ci permetterà di mettere le giuste politiche in atto per sostenerli nel miglior modo possibile. Come la Commissione lavora per preparare la sua nuova strategia globale dell’Unione europea sui diritti dei minori da adottare nei primi mesi del 2021, ci si avvarrà dell’esperienza e gli effetti della crisi COVID-19, e si basano sulla competenza di organizzazioni per i diritti del bambino per includere voci di bambini nella nostra strategia.

Dal momento che non siamo ancora pienamente in grado di prevedere l’impatto a lungo termine di questa crisi sui nostri figli, dobbiamo fare in modo che i nostri piani di recupero prendono le loro esigenze in considerazione. Quando dice che i bambini sono il futuro, non dobbiamo dimenticare di aggiungere che sono individui con i propri diritti qui e ora. E ‘nostro dovere di proteggerli – e il modo migliore per farlo è includendoli nel nostro lavoro, nel presente e nel futuro.

Dubravka Suica e Didier Reynders sono Vice Presidente della Commissione Europea e Commissario Europeo Giustizia, rispettivamente.

timesofmalta.com/articles/view/children-and-covid-19-dubravka-suica-and-didier-reynders.798669?utm_source=tom&utm_campaign=newsletter&utm_medium=email&utm_content=2020-06-16

Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.