Categories
Uncategorized

contenuti Nero Abita Materia: Le ultime dal involontarie conseguenze di sicurezza marchio

contenuti Nero Abita Materia: Le ultime dal involontarie conseguenze di sicurezza marchio
Gli inserzionisti sono riferito bloccando pubblicazione degli annunci su contenuti nera Lives Materia-related.
Ginny Marvin il 15 giugno 2020 alle 15:37
DI PIÙ




O profondità della ricchezza, della sapienza e della scienza di Dio! Quanto sono imperscrutabili i suoi giudizi e inaccessibili le sue vie!

Un annuncio per Septicease visualizza su un articolo del New York Times su Black Lives Materia.
Senza offesa per Septicease, ma la società sarebbe probabilmente ammettere che non è un inserzionista di marca. Che il suo annuncio viene visualizzato nella parte superiore di un articolo del New York Times sul drammatico aumento del sostegno pubblico per la materia nera Vite mette in evidenza il profondo disallineamento tra il consumo dei media (in aumento) e spesa pubblicitaria digitale (in calo) che si verifica spesso nei momenti sociali cardine .

In nome della “sicurezza di marca”, alcuni inserzionisti stanno bloccando i loro annunci vengano pubblicati su contenuti sul movimento nero Vite Materia e proteste, Ad Age ha riferito Venerdì. Alcuni di marketing sono anche bloccando le parole chiave quali “persone di colore” e “George Floyd”, secondo il rapporto. Vice detto Ad Age ha visto CPM sui contenuti relativi alle proteste fuori del 57% rispetto ad altre notizie.

“Non c’è niente di negativo su‘i neri’al termine, ma mettendolo su una blocklist si sta dicendo in modo efficace che ci sia,” Paul Wallace di Vice detto su Twitter.

Mentre sulla sua faccia, questo solleva evidenti problemi etici, è anche più complicato di così.

Messaggistica e tono considerazioni. Considerare “Blackout Martedì.” Il grafico qui sotto da Tinuiti e Pathmatics illustra il suo impatto su Facebook spesa pubblicitaria. L’iniziativa, svoltasi il 2 giugno per protestare brutalità della polizia e il razzismo, chiamata per le persone a fermare i loro messaggi regolari sui social media. Instagram e Facebook news feed sono stati riempiti con quadrati neri al posto di aggiornamenti tradizionali. Molte marche si unirono, e quelli che teneva le campagne in esecuzione come al solito sono stati visti come stonato. Mentre questo aveva lo scopo di social media, molte marche hanno anche preso uno sguardo duro al loro attività di visualizzazione, sensibile circa l’invio di un messaggio sbagliato.

supporti Facebook trascorrono forte calo in mezzo nera vive Matter proteste e Blackout Martedì.
Quando il coronavirus ha raggiunto il livello di pandemia globale, molti di marketing si sono affrettati a raccomandare che gli inserzionisti bloccano i loro annunci vengano a fianco notizie su alle stelle COVID 19 casi e dei decessi, con alcune liste di esclusione di parole chiave che circolano. Molti altri hanno colpito pausa sulle loro campagne di rivalutare la messaggistica e le immagini in un momento di distanziamento sociale.

Rob Rasko di The 614 Group, che ospita la sicurezza del brand Summit di New York virtualmente il Martedì, note marche devono pensare a come la loro messaggistica esistente sta per risuonare con i lettori.

“All’inizio di marzo ha creato una reazione scatto al ginocchio per gli inserzionisti per bloccare alcuni annunci e termini sono in relazione con COVID-19 e le notizie. Così, mentre audience era finito, che il blocco ha cominciato “, ha detto Rasko. “Il blocco aveva senso in qualche modo, perché gli inserzionisti necessari per prendere un minuto per ottenere i loro messaggi e tattica giusta, per non suono stonato. Iniziative come whitepaper ‘Cross-Industry Collaboration per ridefinire Marca Idoneità in Trusted Notizie ambienti: A Call to Action’ del ANA portato questo alla luce. Con le proteste nera vive materia, ricevendo messaggi di destra è altrettanto critica. Sbagliare ha implicazioni immediate, come le tensioni sono forti e il mondo sta guardando. Di conseguenza, i marchi che hanno avuto un minuto potrebbe prendere un’ora per decidere cosa dire – ma mi aspetto che sentiremo da loro a voce alta nella seconda metà del 2020.”

meccanismi di sicurezza marchio spesso provocano confusione. Sia che si sta utilizzando un servizio di verifica come DoubleVerify o Integral Ad Science o la gestione manuale di sicurezza marchio in annunci di Google, per esempio, può essere una sfida per i brand per capire dove gli annunci verranno e non vengono visualizzati. E ‘altrettanto impegnativo per gli editori di cogliere l’impatto.

In risposta alle preoccupazioni di editori che aveva già visto la raccolta pubblicitaria strizzacervelli sulla scia di COVID-19, DoubleVerify pubblicato una serie di post su come la sua idoneità marchio e tecnologia funziona blocklist e minimizzato l’influenza del blocco parola chiave sui ricavi editore.

La società ha detto il reale impatto del blocco degli annunci viene quando marketing bloccano intere categorie di contenuti come i “disastri naturali”. DoubleVerify consiglia – come fa l’IAB – che gli inserzionisti che scelgono di bloccare le categorie esenti anche fonti di notizie attendibili dalle loro liste di esclusione.

“In effetti, quando si applica DV elenchi di parole chiave, meno del 2% di impressioni in alto a 100 siti di notizie degli Stati Uniti sono bloccati esclusivamente a causa di questo motivo. L’uso di blocco parola chiave, anche in grandi liste, permette ai brand di monetizzare oltre il 98% del contenuto delle notizie,”DoubleVerify COO Matt McLaughlin ha scritto. “Il vero‘smussato’strumento è una notizia evitamento, dove i marchi si prende il sentiero percepita‘più sicuro’ed evitare di un’intera categoria causando danni significativi per editori di notizie. DV incoraggia marche pubblicizzare attraverso siti di notizie di fiducia nel modo più ampio possibile, durante l’implementazione di strumenti come gli elenchi dei blocchi di parole chiave che possono essere utilizzati per gestire con precisione le loro preoccupazioni di idoneità legittimi.”

In Google Ads, gli inserzionisti possono scegliere di blocco “contenuto sensibile” categorie. Non è chiaro quanto contenuto neri Abita La materia sarebbe influenzato da inserzionisti che scelgono di bloccare “temi sociali sensibili”, per esempio. La spiegazione di Google è ampio: “contenuti Esclude scopo di suscitare una risposta su questioni controverse”

Opzioni di Annunci Google per le esclusioni di contenuti in campagne display.
Questi tipi di esclusioni sono facili e contribuire a fornire la copertura per i compratori e agenzie media quando gli annunci visualizzati sul contenuto indesiderato. Ma la crisi coronavirus e il movimento nero Vite Matter hanno dimostrato le sfide della gestione della sicurezza brand in tempi complessi e cariche in un ecosistema digitale ad-supported. Nero Lives La materia, in particolare, sottolinea la necessità di una maggiore comprensione e trasparenza intorno blocco degli annunci meccanismi in modo che non vediamo le marche bloccando termini come “persone di colore” mai più.

searchengineland.com/black-lives-matter-and-brand-safety-its-more-complicated-than-keywords-335881