Categories
Uncategorized

Editoriale: Un piano di migranti che era destinata a fallire13/06/2020

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

Editoriale: Un piano di migranti che era destinata a fallire

la gestione di Malta di migrazione irregolare nel Mediterraneo centrale nel corso delle ultime settimane è stata né dignitoso né di successo. La guerra civile libica deteriorata e il tempo è migliorato, la forte possibilità di un aumento migrazione durante primavera calmo era stata a lungo predetto.

--------------------------------------------------------------------------------------------------



La via di Dio è diritta, la parola del Signore è provata al fuoco; egli è scudo per chi in lui si rifugia.


Subscribe By E-mail:

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner



----------------------------------------------------------------------------------------------

Ma l’attenzione del governo sull’emergenza coronavirus era tale che quando i primi carichi di fuga richiedenti asilo dalla Libia è apparso nella regione di ricerca e soccorso di Malta, il governo si trovò presi tra il timore di perdere il controllo dell’epidemia al picco di infezione e chiudendo le sue porte a tutti gli arrivi, compresi i rifugiati.

La politica ideato per affrontare l’arrivo inarrestabile di migranti dalla Libia ha oscillato tra un certo numero di tentativi di ottenere un sostegno e simpatia UE, e gesti di sfida – alcuni dei quali erano probabilmente illegale secondo il diritto internazionale – progettato per mostrare la determinazione di Malta di non orso l’ondata di migrazione verso l’Europa da sola.

Il culmine di questa politica per tenere fuori gli immigrati irregolari di Malta per motivi di controllo dello scoppio COVID-19 è stato un piano per mettere tutti i migranti soccorsi in grandi turistiche imbarcazioni da diporto ormeggiate fuori delle acque territoriali di Malta. Come i richiedenti asilo continuavano ad arrivare, i numeri sono cresciuti nel giro di un mese fino a un totale di quattro di queste imbarcazioni da diporto sono stati assunti, tenendo più di 400 richiedenti asilo.

La vita sulle quattro imbarcazioni da diporto progettati per nell’entroterra crociera, ancorate nel corso di un periodo di in tempesta Mar Mediterraneo, ciascuna contenente oltre un centinaio di giovani, non avrebbe potuto essere facile.

L’equipaggio civile messo lì per provvedere alle loro esigenze era in minoranza. Non c’era nessuna sicurezza, altro che la paura del mare aperto, mantenendo i migranti lontano da Malta.

La scorsa settimana, il tetto ceduto su quello che era sempre sembrata un piano mal congegnato. Un certo numero di migranti lancio Captain Morgan, Europa II, si alzò e si ribellò contro la loro detenzione e ha chiesto di essere portato a terra. Il governo ha immediatamente capitolò. Il primo ministro Robert Abela ha detto che non era disposto a mettere in pericolo la vita.

Così è conclusa una saga costoso che non dovrebbe mai essere stato avviato. Era un piano che non è riuscito a raggiungere uno dei suoi obiettivi.

Nel corso delle ultime settimane di stand-off con l’Unione europea, le richieste di Malta per il supporto a trasferirsi migranti soccorsi nella regione di Search-and-rescue di Malta sono state ignorate. Solo la Francia, il Portogallo e la Finlandia hanno fatto offerte tentativi di sostegno una volta che i migranti sono stati portati nell’isola.

Inoltre, le azioni di Malta hanno suscitato ampie critiche per motivi umanitari. E, nel indegnità finale, sembra che il governo avrà ancora a sopportare tutti i costi di questo piano fuori luogo e di dover portare a terra i 425 migranti in cerca di asilo. Come i COVID-19 rilassa emergenza in tutta l’UE, è il momento per il governo di ricucire e per la Commissione europea a coinvolgere nuovamente con un aumento della migrazione.

Anche se di Malta auto-immagine di un Davide contro il Golia europea è un attraente, è il caso che in ultima analisi realpolitik prevale. Diplomazia, non gesti vuoti di confronto, sono il modo migliore di avanzare.

Malta ha recentemente firmato ‘accordo’ con la Libia può dare i suoi frutti, ma questo non deve andare a scapito di gettare disperati di nuovo nella tana del leone. In ultima analisi, spetta agli altri Stati dell’Unione europea a mettere in pratica la solidarietà. Il problema di lunga data della costruzione di un funzionale sistema europeo comune di asilo deve tornare all’ordine del giorno dell’UE prima unaltra estate di tragedie calci in.

timesofmalta.com/articles/view/migrant-plan-destined-to-fail.797862?utm_source=tom&utm_campaign=newsletter&utm_medium=email&utm_content=2020-06-12

Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.