Categories
Uncategorized

Immaginare il futuro del nostr

Immaginare il futuro del nostro Ambiente Costruito – Benjamin Grech

Sono un credente forte che ogni mercato si autoregola e che ci deve essere un intervento minimo, per le dinamiche della domanda e dell’offerta soddisfare se stessi. Ma penso che in questi anni abbiamo avuto un’inflazione esagerata’

Benjamin Grech





Quello invece che, non conoscendola, avrà fatto cose meritevoli di percosse, ne riceverà poche. A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più.

economia capace di galleggiare di Malta negli ultimi anni, motivato da un afflusso di investimenti stranieri e un focus sui settori manutenzione, ha spinto la necessità di più immobili, incoraggiando la domanda, che, a sua volta, ha accelerato la creazione di approvvigionamento.

Di conseguenza, il settore ha registrato un tasso di crescita annuale del 5,3 per cento, mentre l’occupazione è cresciuta a un tasso del 9,4 per cento, secondo i dati dalle statistiche dell’Ufficio nazionale e Jobsplus.

Vendita e affitto i prezzi sono aumentati più volte, mentre gli appaltatori, sviluppatori e coloro che lavorano nel settore edile hanno concentrato la loro attenzione sulla soddisfazione delle esigenze di un mercato gonfiato, che si era gonfiato, con grande dispiacere dell’uomo medio e la donna in strada.

Perché, come i cantieri hanno continuato a foro dell’isola, i cittadini maltesi avevano a che fare con i disagi quotidiani – e, in alcuni casi, la distruzione all’ingrosso della loro pace, e case. Da qualche tempo, è stato chiaro che il cambiamento è necessario.

Sono un credente forte che ogni mercato si autoregola e che ci deve essere un intervento minimo, per le dinamiche della domanda e dell’offerta soddisfare se stessi. Ma penso che in questi anni abbiamo avuto un’inflazione esagerata,”Benjamin Grech, Amministratore Delegato di Engel & Völkers dice in un intervista franca in cui lui non ha peli sulla lingua sui cambiamenti ritenuti necessari per un ambiente migliore costruito.

“Per un po ‘, siamo stati in grado di cavalcare questa ondata di prezzi di mercato gonfiati,” continua, spiegando che, preCOVID-19, il prezzo medio per le vacanze – secondo le statistiche Engel & Völkers – è stato di circa € 900 al mese, aumentando ogni anno da € 50 a € 100 all’anno. “Sui prezzi medi, vendita e noleggio venivano pubblicizzati dal 20 al 30 per cento superiore al valore di mercato, anche se le tariffe pubblicate non rifletterebbero il prezzo effettivo di vendita, che sarebbe stabilizzare fino a ciò che la proprietà era in realtà la pena”, spiega.

Tuttavia, COVID-19 ha rovesciato lo status quo e gettato qualsiasi crescita futura proiettata nel dubbio. Come risultato della pandemia, il sig Grech asserisce, il mercato a lungo lasciate ha visto un afflusso di 9.000 proprietà che di solito essere venduti come locazioni di breve-let. Il conseguente eccesso di offerta ha portato ad una riduzione del 30 per cento nel lungo-let prezzi, il CEO dice, citando cifre raccolte dalla sua ditta, che ha visto anche un 80-90 per cento di riduzione del numero di promesse di vendita, di recente .

“Questi sono numeri che la gente non può tendere a parlare, per la preoccupazione che per non danneggiare il mercato. Ma io sono un credente che la trasparenza permetterà di correggere se stesso e diventare più sostenibile e più sano nel lungo periodo – senza enormi fluttuazioni dei prezzi “.

Tuttavia, egli pensa che la pandemia è un game-changer.

Come paese e come industria, dobbiamo decisioni importanti da prendere. Non dobbiamo ottenere il mercato di recuperare il più rapidamente possibile, ma dobbiamo fare in modo che è resiliente per il futuro.

Benjamin Grech

“Ora abbiamo l’opportunità di sottolineare la necessità di sostenibilità a lungo termine, così come la qualità e l’innovazione nei regolamenti edilizi, e per riordinare elaborare l’intera vendita, rendendo tutto meno burocratiche”, ha afferma.

Infatti, secondo il sig Grech, il cambiamento è stato un disperato bisogno anche prima dell’inizio della crisi coronavirus.

Sono stato coinvolto nel lavoro visione economica [predisposto dalla Camera di Commercio, Imprese e industria Malta] ed i nostri principi fondamentali sono stati sempre incentrato sulla necessità di un ambiente costruito più sostenibile,” dice.

Ma cosa significa che assomigliano? Mr Grech punti ad una serie di adeguamenti operativi e normativi che renderebbe per esteticamente più gradevole – e meno dirompente – paesaggi urbani. In primo luogo è la necessità per le imprese, piuttosto che gli architetti incaricati, di assumersi la responsabilità per la costruzione, con la creazione di una licenza o di registro che il login eventuali opere stato fatto.

“Insieme a questo ci deve essere un insieme di regolamenti edilizi”, dice il signor Grech, sottolineando che la questione centrale tutti dovremmo porci è: qual è lo standard minimo di ciò che dovrebbe essere costruito? “Ogni volta che si parla di regolamenti, la gente pensa vogliamo restringere loro di guadagnare denaro”, l’amministratore delegato, aggiunge.

A titolo di esempio, indica la resistenza iniziale alle nuove leggi di noleggio specificando che le proprietà di noleggio devono essere registrati presso la Housing Authority. “Ma ora stiamo cominciando a vedere gli effetti positivi. In realtà, dal momento che questo gennaio, 10.000 proprietà sono stati registrati con la Housing Authority.

Se abbiamo bisogno di regolare allora dovremmo, e inizieremo a vedere i miglioramenti. Ciò non significa che saremo farlo bene la prima volta, ma dovremmo avere un punto di partenza.” Tali modifiche devono essere spogliato di qualsiasi burocrazia, i ribadisce CEO, e ci deve essere un enfasi sulla trasparenza, che dovrebbe anche essere applicato a tutto il processo di vendita e la valutazione degli immobili.

In effetti, il signor Grech è molto critica dei sistemi attuali, dicendo che le autorità hanno la tendenza a mantenere le informazioni a se stessi – a scapito di tutte le parti del settore. “Un sacco di tempo, gli sviluppatori vogliono proprietà vendere a prezzi più alti, perché sono in grado di acquistare un pezzo di terra al giusto prezzo.

Oggi, qual è il valore di mercato di un particolare pezzo di terra? Non lo sappiamo. È il governo pronto a condividere i dettagli contrattuali a che fare con la vendita di un terreno al settore privato? No. A Malta tutto è stretto strinse al petto. Nessuno vuole condividere, anche se questa trasparenza può risultare in una migliore valore di mercato,”afferma.

Ma il signor Grech non è un critico poltrona. Piuttosto, egli sta mettendo il suo tempo in cui la sua bocca è – da importanti nuovo Comitato Edilizia e Industria Costruzione della Camera di Malta, che si propone di creare una consapevolezza circa l’importanza del settore e lobby per spostamenti essenziali nelle procedure, operazioni e mentalità.

Il mio rapporto con la camera di Malta e il nuovo comitato è quello di esaminare l’intero settore e vedere dove gli anelli più deboli sono”, spiega, che descrive il team di 12-forte come “diverso” con gli avvocati, imprenditori commerciali, sviluppatori, un interno progettista e un agente immobiliare che serve come membri. “Quello che tutti condividiamo è il desiderio e la motivazione per migliorare la qualità del settore,” afferma.

Finora, hanno avuto due incontri Zoom, ma la pandemia ha rallentato le cose un po ‘. Tuttavia, proattive mezzi stance piani del signor Grech sono in corso di realizzazione, nelle sue parole, “far funzionare le cose”. In effetti, la squadra è, in questo momento, “Allineamento nostra visione di ciò che vogliamo raggiungere, e stiamo analizzando il recente rapporto del Kamra Tal-Periti (KTP) per vedere come siamo in grado di aggiungere più valore. Anche se non soddisfano tutti insieme è stato un po ‘più impegnativo, gli incontri che abbiamo avuto sono stati molto produttivi “, aggiunge.

Questo è un estratto di un’intervista la cui prima comparsa nel numero di giugno / luglio del Corriere Commerciale

www.maltachamber.org.mt/en/envisioning-the-future-of-our-built-environment-benjamin-grech