Categories
Uncategorized

La ricaduta sulle famiglie COV

La ricaduta sulle famiglie COVID

Il COVID-19 pandemia è stata tranquillamente rimodellando le relazioni in tutto il mondo ed a Malta. La vita in blocco, sia totale o parziale, ha reso necessario per regolare aumento del tempo trascorso con le famiglie e partner, mentre il distanziamento sociale ha creato un senso di isolamento dagli amici, i propri cari e le comunità vulnerabili in generale.

L’ambiente di alta pressione di confinamento, in combinazione con fattori di stress finanziari provocati da un’economia gravata da incertezze, sembra aver alimentato un aumento del conflitto coniugale, come recentemente riportato dal Times of Malta.





Riconoscete dunque che il Signore vostro Dio è Dio, il Dio fedele, che mantiene la sua alleanza e benevolenza per mille generazioni, con coloro che l'amano e osservano i suoi comandamenti.

L’evidenza di discordia coniugale finora proviene da avvocati della famiglia con cui abbiamo parlato, che hanno segnalato un aumento sostanziale del numero di coppie che cercano consigli sulla separazione. L’essere aneddotica evidenza, il pedaggio assunto relazioni è ancora lungi dall’essere pienamente compreso.

Sembra che, nei casi più estremi, i conflitti generati nel blocco hanno portato a picchi di casi di violenza domestica. Simili aumenti sono stati segnalati anche in molti altri paesi in Europa tra cui Francia, Germania e Regno Unito.

Un’altra sfida che le famiglie hanno dovuto affrontare è l’aumento del carico di cura a seguito di misure di quarantena e situazioni in casa scolarizzazione. Spesso, le donne hanno finito per assumersi un peso maggiore a causa divisioni tipicamente disuguali in lavoro domestico. Il risultato è che la capacità delle donne di partecipare alla forza lavoro è stata pericolosamente compromessa. E con persistente incertezza sopra la scuola estiva, che problema persiste una certa misura.

Le lavoratrici sono stati colpiti in modo sproporzionato dalla pandemia in particolari settori. Non solo le donne sono più propensi a prendersi cura delle famiglie costretti a casa, ma sono sovrarappresentati in quelle industrie e servizi, compreso il turismo, l’ospitalità e la vendita al dettaglio, che sono stati più duramente colpiti dalla epidemia coronavirus.

Durante la navigazione conflitti personali e le tensioni finanziarie all’interno relazioni familiari, le persone spesso si rivolgono ai loro amici e le comunità più ampie per il supporto. Tuttavia, date le misure di allontanamento sociale che hanno messo radici sia fisicamente che psicologicamente, molte persone si sono trovati isolati dai soliti sistemi di supporto.

Un fattore compounding è il divario digitale, tra le persone che hanno accesso alle tecnologie connettive e quelli che non lo fanno. Anziani meno familiari con la comunicazione on-line sono stati meno collegate alle loro famiglie durante la quarantena. Gli individui con difficoltà di accesso a una connessione stabile a Internet o dispositivo funzionale a causa di instabilità finanziaria o di altro erano ugualmente a rischio di esclusione e di ritiro.

All’altra estremità della scala, un sacco di persone più giovani si sono immersi nelle potenzialità delle piattaforme sociali digitali per formare nuove connessioni. Mentre le amicizie virtuali possono essere potenti catalizzatori per la costruzione della comunità e anche il cambiamento sociale, come viene visto nel movimento nero Vite Materia, ci sono state preoccupazioni che un focus quasi esclusivo sui social media potrebbe composto solitudine adolescenziale.

Nonostante queste sfide, la pandemia ha presentato l’occasione per una rivalutazione critica dei rapporti più stretti delle persone. Mentre alcune coppie hanno scoperto che l’impossibilità di mantenere rapporti civili da vicino è stata l’ultima goccia nei loro rapporti flagging, alcune famiglie hanno scoperto i vantaggi di trascorrere più tempo di qualità insieme all’interno delle loro case.

Sia a livello di coppie, famiglie o comunità, la ristrutturazione dei rapporti avviati da COVID-19 continuerà ad avere implicazioni di vasta portata per il prossimo futuro, con discordie coniugali solo la conseguenza più visibile.

È altrettanto vero, però, che un maggior senso di sostegno della comunità è emersa. Sia che questi semi di solidarietà possono essere nutriti in qualcosa di sostenibile e invertire il trend nazionale verso l’individualismo e il consumo sfrenato, resta da vedere.

timesofmalta.com/articles/view/the-covid-fallout-on-families.799695?utm_source=tom&utm_campaign=newsletter&utm_medium=email&utm_content=2020-06-20