Categories
Uncategorized

Ministro: La rimozione di monumenti di epoca coloniale sarebbe ridicolo

Ministro: La rimozione di monumenti di epoca coloniale sarebbe ridicolo
Sono non insulto a Malta

Il Ministro della Cultura Jose Herrera ha chiamate sbattute per la rimozione di monumenti legati al periodo coloniale, come la statua della regina Vittoria a La Valletta, dicendo che è un “idea ridicola”.

“Con lo stesso metro di giudizio dovremmo anche rimuovere la statua di [Valletta fondatore] Jean de Valette,” ha detto.





Carissimi, noi fin d'ora siamo figli di Dio, ma ciò che saremo non è stato ancora rivelato. Sappiamo però che quando egli si sarà manifestato, noi saremo simili a lui, perché lo vedremo così come egli è. Chiunque ha questa speranza in lui, purifica se stesso, come egli è puro.

Il ministro della cultura ha parlato sulla controversia in parlamento quando liquidazione un dibattito sulle stime finanziarie di Heritage Malta e la Soprintendenza per i Beni Culturali.

Chiede la rimozione di monumenti e punti di riferimento associati con il passato coloniale di Malta hanno fatto eco un movimento simile all’estero in seguito alle proteste alimentate dall’omicidio di afro-americano George Floyd da un agente di polizia negli Stati Uniti.

Sono completamente d’accordo con coloro che chiedono lo smantellamento dei monumenti eretti quando Malta era sotto il dominio straniero”, ha detto Herrera.

Sono stati uno a rimuovere la statua della regina Vittoria, lo stesso dovrebbe valere per la statua di De Valette in quanto al momento di Malta era sotto il regno dei Cavalieri di San Giovanni.

Egli ha osservato che per gran parte della sua storia Malta era sotto il dominio straniero.

“Sarebbe ridicolo di smantellare i monumenti appartenenti ad un periodo imperialista. La storia non può essere modificato e deve essere presa nel contesto di quel particolare periodo “, ha detto il ministro della cultura.

Ha anche fatto riferimento alla George Cross dicendo che questo era il riconoscimento di galanteria di Malta durante la seconda guerra mondiale e in mostra non è stato quindi un atto di umiliazione.

Egli ha osservato che alcuni paesi del Commonwealth hanno anche mantenuto l’Union Jack nella loro bandiera nazionale, anche se sono stati indipendenti.

“Distruggere monumenti saranno in alcun modo la storia alter”, ha insistito.

timesofmalta.com/articles/view/minister-removing-colonial-era-monuments-would-be-ridiculous.799218?utm_source=tom&utm_campaign=newsletter&utm_medium=email&utm_content=2020-06-18