Categories
Uncategorized

OMS di apertura del direttore generale osserva al

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

OMS di apertura del direttore generale osserva al briefing media su COVID-19 – 24 giugno 2020
24 giugno 2020
العربية Español
Buongiorno, buon pomeriggio e buona serata.

Più di 9,1 milioni di casi di COVID-19 sono ora stati segnalati l’OMS, e più di 470.000 morti.

--------------------------------------------------------------------------------------------------



Il Signore diriga i vostri cuori nell'amore di Dio e nella pazienza di Cristo.


Subscribe By E-mail:

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner



----------------------------------------------------------------------------------------------

Nel primo mese di questa epidemia, meno di 10.000 casi sono stati segnalati all’OMS. Nell’ultimo mese, sono stati segnalati quasi 4 milioni di casi.

Ci aspettiamo di raggiungere un totale di 10 milioni di casi entro la prossima settimana.

Questo è un promemoria sobria che anche mentre continuiamo la ricerca sui vaccini e terapie, abbiamo una responsabilità urgente di fare tutto il possibile con gli strumenti che abbiamo ora alla trasmissione reprimere e salvare vite umane.

Uno dei modi più efficaci per salvare vite umane è fornire ossigeno ai pazienti che ne hanno bisogno.

Diverse notizie pubblicate oggi hanno messo in evidenza il ruolo fondamentale di ossigeno nel trattamento di pazienti con grave e critico COVID-19.

Questa è stata una zona di intensa attenzione per l’OMS dall’inizio della pandemia.

I pazienti con grave e critico COVID-19 non può ottenere abbastanza ossigeno nel loro sangue da respirare normalmente. Hanno bisogno di più alte concentrazioni di ossigeno e di sostegno per farlo nei loro polmoni.

Non trattata, gravi COVID-19 priva cellule e gli organi del ossigeno hanno bisogno, che lo condurrà alla insufficienza d’organo e morte.

ossigeno medico è prodotto con concentratori di ossigeno, che estraggono e ossigeno purificare dall’aria.

L’OMS stima che al ritmo attuale di circa 1 milione di nuovi casi a settimana, il mondo ha bisogno di circa 620.000 metri cubi di ossigeno al giorno, che è di circa 88.000 cilindri di grandi dimensioni.

Tuttavia, molti paesi stanno ora sperimentando difficoltà nell’ottenere concentratori di ossigeno.

80 per cento del mercato è di proprietà di poche aziende, e la domanda è attualmente supera l’offerta.

OMS ed i nostri partner delle Nazioni Unite stanno lavorando con i produttori di tutto il mondo attraverso una varietà di reti del settore privato per acquistare concentratori di ossigeno per i paesi che ne hanno più bisogno.

colloqui in corso con i fornitori nelle ultime settimane hanno permesso l’OMS per acquistare 14.000 concentratori di ossigeno, che saranno inviati al 120 paesi nelle prossime settimane.

OMS ha identificato un ulteriore 170.000 concentratori che possono essere disponibili nei prossimi 6 mesi, con un valore di US $ 100 milioni di dollari.

Inoltre, che ha acquistato 9800 pulsiossimetri, un semplice dispositivo utilizzato per ossigeno monitor sangue di un paziente, che vengono preparate per la spedizione.

Unaltra sfida è che molti pazienti con malattia critica hanno bisogno di una portata maggiore di ossigeno rispetto è prodotto dalla maggior parte dei concentratori disponibili in commercio.

Per affrontare questa sfida, l’OMS sta sostenendo diversi paesi per acquistare attrezzature che permetterà loro di generare il proprio ossigeno concentrato in quantità maggiori. Si tratta di una soluzione sostenibile per COVID-19 e oltre, ma richiede competenze tecniche per la manutenzione.

Che ha anche pubblicato le specifiche tecniche per la progettazione di questa apparecchiatura, così come una guida per i paesi sulle fonti e la distribuzione di ossigeno.

Questo è solo un modo in cui l’OMS continua a sostenere i paesi con la scienza, la solidarietà e soluzioni.

===

Mentre alcuni paesi cominciano a riaprire le loro società ed economie, domande su come tenere riunioni di un gran numero di persone in sicurezza sono diventati sempre più importanti.

Ciò è particolarmente vero per uno dei più grandi raduni di massa del mondo, il pellegrinaggio annuale Hajj.

All’inizio di questa settimana, il governo del Regno di Arabia Saudita ha annunciato che quest’anno Hajj procederà con un numero limitato di pellegrini di diverse nazionalità che vivono all’interno del Regno.

Questa decisione è stata presa sulla base di una valutazione del rischio e l’analisi di diversi scenari, in accordo con le linee guida dell’OMS, per proteggere la sicurezza dei pellegrini e ridurre al minimo il rischio di trasmissione.

Chi sostiene questa decisione. Sappiamo che non è stata una decisione facile da prendere, e capiamo anche che è una grande delusione per molti musulmani che sono stati in attesa di fare il loro pellegrinaggio di quest’anno.

Questo è un altro esempio delle scelte difficili che tutti i paesi devono fare per mettere al primo posto la salute.

===

Infine, domani il governo della Repubblica democratica del Congo ha in programma di annunciare la fine della epidemia di Ebola nella parte orientale del paese, dopo quasi 2 anni di lotta.

In totale ci sono stati quasi 3500 casi, quasi 2300 morti e quasi 1200 sopravvissuti.

Che è orgoglioso di aver lavorato sotto la guida del governo della Repubblica democratica del Congo per portare questa epidemia sotto controllo.

Questo è stato possibile solo grazie al servizio e il sacrificio di migliaia di operatori sanitari congolesi, lavorando fianco a fianco con i colleghi di OMS e molti altri partner. Li saluto tutti.

Molte delle misure di sanità pubblica che hanno avuto successo nel fermare Ebola sono le stesse misure che sono ormai indispensabili per la soppressione COVID-19:

Trovare tutti i casi, isolando tutti i casi, il test tutti i casi, la cura per tutti i casi e il contatto tracing implacabile.

Queste sono le misure che devono rimanere la spina dorsale della risposta in ogni paese. Non ci sono scorciatoie.

Ma Ebola e COVID-19 sono solo due delle minacce per la salute di fronte alle persone di RDC, e di molti altri paesi a basso e medio reddito.

Questo è il motivo che si è impegnata a continuare a lavorare con il popolo e il governo della RDC per rafforzare il suo sistema sanitario e sostenerla sulla strada verso una copertura sanitaria universale.

Ti ringrazio.

www.who.int/dg/speeches/detail/who-director-general-s-opening-remarks-at-the-media-briefing-on-covid-19—24-june-2020

Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.