Categories
Uncategorized

OMS e l’UNHCR uniscono le forze per migliorare i servizi sanitari per i rifugiati, sfollati e apolidi

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

OMS e l’UNHCR uniscono le forze per migliorare i servizi sanitari per i rifugiati, sfollati e apolidi

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e l’UNHCR, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati hanno firmato oggi un nuovo accordo per rafforzare e far progredire i servizi sanitari pubblici per i milioni di sfollati in tutto il mondo.

--------------------------------------------------------------------------------------------------



Infatti in virtù delle opere della legge nessun uomo sarà giustificato davanti a lui, perché per mezzo della legge si ha solo la conoscenza del peccato.

----------------------------------------------------------------------------------------------

L’accordo aggiorna e si espande un 1997 accordo esistente tra le due organizzazioni. Una chiave obiettivo di quest’anno sarà quello di sostenere gli sforzi in corso per proteggere i circa 70 milioni di sfollati da COVID-19. Circa 26 milioni di di questi sono profughi, l’80 per cento dei quali sono al riparo in basso e medio reddito paesi con sistemi sanitari deboli. Altri 40 milioni di sfollati interni inoltre richiedono assistenza.

Per più di 20 anni, l’UNHCR e che hanno lavorato insieme in tutto il mondo per salvaguardare la salute di alcune delle maggior parte delle popolazioni vulnerabili del mondo. Essi hanno collaborato per fornire servizi sanitari ai rifugiati in ogni regione – dalla comparsa di una situazione di emergenza e attraverso situazioni protratte, costantemente sostenendo per l’inserimento dei rifugiati e apolidi nei piani nazionali di sanità pubblica dei paesi ospitanti.

Oggi, le due organizzazioni stanno lavorando fianco a fianco per frenare la diffusione del COVID-19 pandemia e garantire che le persone costrette a sfollare possono accedere ai servizi sanitari di cui hanno bisogno, per mantenere al sicuro da COVID-19 e di altri problemi di salute.

“Collaborazione a lungo termine dell’UNHCR con l’OMS è fondamentale per frenare i coronavirus pandemia e altre emergenze – giorno dopo giorno, si sta migliorando e salvare vita di milioni di persone costrette ad abbandonare le loro case”, ha dichiarato l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati, Filippo Grandi. “La nostra rafforzare il partenariato beneficeranno direttamente rifugiati, richiedenti asilo, sfollati interni, e coloro che sono apolidi. Essa conduce ad una migliore risposta alle emergenze e farà il miglior uso delle risorse di entrambe le nostre due organizzazioni per le soluzioni di sanità pubblica in tutte le nostre operazioni a livello globale.”

Il principio di solidarietà e l’obiettivo di servire le persone vulnerabili sono alla base del lavoro di entrambe le nostre organizzazioni”, ha detto il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell’OMS. “Noi siamo fianco a fianco nel nostro impegno per proteggere la salute di tutte le persone che sono state costrette a lasciare le loro case e per garantire che essi possono ottenere servizi sanitari quando e dove ne hanno bisogno. Le continue evidenzia solo in caso di pandemia l’importanza vitale di lavoro insieme in modo che possiamo ottenere di più.”

Durante la firma di Giovedi UNHCR ha inoltre aderito al Fondo COVID-19 Solidarietà di risposta. Il Fondo è stato lanciato il 13 marzo e ha finora raccolto $ 214m fino ad oggi. Il Fondo, primo nel suo genere, permette agli individui, aziende e organizzazioni di tutto il mondo per contribuire direttamente alla risposta globale essere guidati dalla OMS per aiutare i paesi a prevenire, rilevare e rispondere a COVID-19.

Un contributo $ 10 milioni dal Fondo di risposta di solidarietà sosterrà il lavoro dell’UNHCR sui bisogni urgenti, come la comunicazione del rischio e l’impegno della comunità intorno a pratiche igieniche; fornitura di igiene e forniture mediche e la creazione di unità di isolamento in paesi come la Giordania, Kenya, Libano, fondi Sud Sudan e Uganda.The sosterrà anche attività innovative di preparazione a livello globale.

“Unendo le forze con il Fondo di risposta di solidarietà, l’UNHCR può lavorare insieme sul terreno con l’OMS per garantire meglio che la preparazione, prevenzione e risposta di salute pubblica misure a COVID-19 sono in atto e che l’aiuto tanto necessario può raggiungere i rifugiati, sfollati le persone e le loro comunità di accoglienza “, ha detto Grandi.

Per ulteriori informazioni su COVID-19 le operazioni dell’UNHCR

Per informazioni su COVID-19 operazioni dell’OMS e lavorare su rifugiati e la salute dei migranti

Response Fund solidarietà

Il fondo è stato creato su richiesta del WHO dalla Fondazione delle Nazioni Unite e la Fondazione svizzera Filantropia a metà marzo ed è solo modo per le aziende e gli individui a contribuire direttamente al lavoro di OMS e partner a terra, e il modo più veloce per ottenere le risorse dove sono necessari più urgentemente. Più di $ 100 dal Fondo è già stato erogato, garantendo primi lavori di vitale importanza nella lotta lunga contro la pandemia.

L’UNHCR

L’UNHCR, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, conduce un’azione internazionale per le persone a proteggere costrette ad abbandonare le loro case a causa di conflitti e persecuzioni. Forniamo assistenza salva-vita come un riparo, cibo e acqua, l’aiuto di salvaguardia dei diritti umani fondamentali, e sviluppiamo soluzioni che garantiscano le persone hanno un posto sicuro per chiamata casa dove possono costruire un futuro migliore. Lavoriamo anche per garantire che le persone apolidi sono concessi una nazionalità.

L’UNHCR sta prendendo misure per aiutare rispondere alle COVID-19 emergenza per la salute pubblica e prevenire l’ulteriore diffusione. Lavorando insieme con i governi, l’UNHCR assicura i rifugiati sono compresi nel piani di risposta di salute nazionali e sono ben informati su come prevenire la diffusione di COVID-19, hanno accesso ad acqua pulita e sapone, e continuare a ricevere gli aiuti di salvataggio e di assistenza loro hanno bisogno.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità

L’Organizzazione Mondiale della Sanità fornisce leadership globale nella sanità pubblica all’interno del sistema delle Nazioni Unite. Fondata nel 1948, che lavora con 194 Stati membri, in sei regioni e da più di 150 uffici, per promuovere la salute, mantenere la cassaforte mondo e servire i più vulnerabili. Il nostro obiettivo per 2019-2023 è quello di garantire che un miliardo di persone non hanno più una copertura sanitaria universale, per proteggere un più miliardo di persone provenienti da emergenze sanitarie, e di fornire un ulteriore miliardo di persone con una migliore salute e benessere.

Per aggiornamenti su COVID-19 e consigli per la salute pubblica per proteggersi da coronavirus, visita www.who.int e seguire l’OMS su Twitter, Facebook, Instagram, LinkedIn, TikTok, Pinterest, Snapchat, YouTube

www.who.int/news-room/detail/21-05-2020-who-and-unhcr-join-forces-to-improve-health-services-for-refugees-displaced-and-stateless- persone

Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.