Categories
Uncategorized

Qual è plasmare il settore ba

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

Qual è plasmare il settore bancario degli Stati Uniti?

Il COVID-19 pandemia ha innescato un’inversione di aumenti dei tassi di interesse negli Stati Uniti, che pesa direttamente sul banking aspettative di profitto. Il deterioramento delle prospettive economiche ha anche innescato accantonamenti per perdite su crediti che oscurato le prestazioni della banca nel primo trimestre e di potenziali rischi per secondo trimestre accumulo. Tuttavia, a differenza della crisi finanziaria del 2008, quando le banche erano nel bel mezzo della crisi degli alloggi, le banche degli Stati Uniti nel mondo COVID-19 sono ben capitalizzate e sono attualmente parte della soluzione: la gestione della crisi di liquidità creato dalla chiusura temporanea di imprese .

--------------------------------------------------------------------------------------------------



State sempre lieti, pregate incessantemente, in ogni cosa rendete grazie; questa è infatti la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi.


Subscribe By E-mail:

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner



----------------------------------------------------------------------------------------------

Il livello di interesse zero è un vento contrario chiaro e materiale redditività della banca. Nel primo trimestre, la Federal Reserve ha ridotto i target di fondi federali di 150 punti base al 0 per cento al 0,25 per cento il livello e comunicato aspettative per i tassi di rimanere ancorati a zero fino al 2022.

Le banche finanziano i prestiti a lungo termine con i depositi a termine più brevi e la conseguente prospettiva di tasso di interesse più basso ha portato ad una curva dei rendimenti piatta. La compressione degli spread è previsto a peggiorare il Margine di interesse (NII), che rappresenta la differenza tra il tasso di interesse sui prestiti e il tasso sui depositi. Fino a quando i tassi restano a zero bound, la NII dovrebbe rimanere sotto pressione, soprattutto per le banche che hanno una maggiore sensibilità ai tassi d’interesse, come Bank of America.

Nel breve periodo, il calo NII dovrebbe essere parzialmente compensato da forti entrate di trading, sul retro di un periodo di elevata volatilità e un aumento dei volumi di negoziazione. La ripresa del mercato dal momento che i minimi di marzo dovrebbe anche sostenere il reddito tassa più elevata in tutta la ricchezza e asset management come valore totale del patrimonio gestito recuperare. Tuttavia, l’attività di fusione e acquisizione dovrebbe rimanere contenuta finché le prospettive economiche resta difficile. Inutile dire che le banche con una maggiore esposizione ai mercati dei capitali hanno maggiori probabilità di attutire risultati economici del loro prossimo trimestre in base al reddito tassa più elevata.

Il rallentamento della crescita economica e aumento del numero di disoccupazione solleva anche preoccupazioni circa la capacità delle imprese e delle famiglie per soddisfare i loro pagamenti. Dal punto di vista delle banche, questo aumenta la probabilità di perdite su crediti superiori e ha chiesto maggiori accantonamenti per perdite su crediti. In altre parole, le banche aumentato la quantità rilevato a copertura per i futuri prestiti non percepite e pagamenti di prestito. Nel primo trimestre, le sei più grandi banche degli Stati Uniti assegnati collettivamente un’aggiunta di $ il 25,4 miliardi a fondi rischi su crediti. JP Morgan e Citigroup hanno riferito i più alti coefficienti di riserva tra i più grandi coetanei. La differenza nella quantità di rettifiche su crediti è sostenuta da aspettative economiche delle banche e riflette soprattutto il prestito e il client mix di ogni singola banca. Per esempio, coefficiente di riserva di Citigroup riflette la sua concentrazione carta più alta.

A questo proposito, il settore bancario ha svolto un ruolo fondamentale durante la pandemia, offrendo dilazioni di pagamento degli interessi. Lo stimolo del governo destinati a entrambi gli individui e le imprese, insieme ai risconti bancari, dovrebbero contribuire a mitigare le perdite di credito futuro. Tuttavia, un movimento verso l’alto in segnali Sofferenze che charge-off dovrebbero aumentare nel breve termine.

Una nota positiva, il recente calo del volume di clienti che chiedono tolleranza relativa ai punti alti in marzo e aprile è un incoraggiante ampia tendenza del settore attraverso grandi banche degli Stati Uniti. Caso in questione, la gestione di Bank of America hanno guidato che i volumi dei risconti da allora sono scesa da livelli di picco, mentre JP Morgan ha osservato la maggior parte delle richieste sono state più di una misura di sicurezza in mezzo a un periodo di forte incertezza.

Ancora più importante, le banche statunitensi sono entrati questa crisi meglio rispetto capitalizzato al precedente. Ciò implica che le attuali turbolenze del settore indicano problemi di guadagni, piuttosto che le preoccupazioni di bilancio. Su questa nota, a patto che le aspettative sui tassi di interesse rimangono sottomessi, le banche statunitensi sono tenuti a recuperare un po ‘di calo della redditività in un ambiente post-COVID 19, quando i costi del credito diminuiscono e le riserve possono essere invertiti.

Disclaimer: Questo articolo è stato emesso da Rachel Meilak, CFA equità analista di Calamatta Cuschieri. Per maggiori informazioni visita www.cc.com.mt. Le informazioni, vista e le opinioni contenute in questo articolo sono forniti unicamente a scopo educativo e informativo e non devono essere interpretati come un consiglio di investimento, consulenza in materia di investimenti o particolari decisioni di investimento o fiscale o consulenza legale.

timesofmalta.com/articles/view/whats-shaping-the-us-banking-industry.799554?utm_source=tom&utm_campaign=newsletter&utm_medium=email&utm_content=2020-06-20

Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.