6 parole analeVale la pena ripida e ripida vale la

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

6 parole anale

Vale la pena ripida e ripida, vale la pena sospensione e MPaħpaq. Vale la pena un piccolo e rounder, di un grande e pensato. Vale la pena velare, scoperto. Di tutta lana, tutte le cellule. È sempre attaccato al divano, vale la pena andare a ogni passo da dare. Supponiamo una parola, anche cinque, sui glutei.

1. Trafanal.
Trafanal.
Questa antica parola che è stata usata come tale:

“Come spostare il trafanal!”

“Non vuoi spazzolare il turfanal?!”

Trafanal, in alcuni dialetti T-TAFANAL, è il foro dei glutei. Sfortunato non lo stiamo più usando una parola come questa. Durante alcuni combattimenti spesi in oro. Iniziamo una campagna nazionale per il riutilizzo di Trafanal?

CYPVQW US AAYJS3.
2. Eye.
Occhio
Quando non stiamo menzionando la parola dietro, spuntandoci agli occhi. Pensa a una espressione come “svelare gli occhi con tutti”. Non è un occhio che svela. Così bene quando diciamo:

“Busi mi ha dato”

“Stemah in una cottura”

“Come spostare i colloqui dei buchi”

“Ha un sacco di bruciare con un occhio”

“Quanto sei eye-cessing”

Come l’occhio, da un organo in faccia, è diventato un eupemismo per le patate rimane un mistero in-ontable.

James Franco
3. Rema.
Cravatte
Ricerca rapida di questa parola su Internet Translated Yoti Digitare frasi (copiata parola per parola):

“Tutti vogliono toccare il

“Che cosa fa questa pace trasformata da piselli?”

“Questo paese cucito dalla legatura”

“Tutti YouPamla dalla legatura”

“Può ddeffes rane, pipistrelli, acque giuste nella legatura”

Con questi esempi colorati penso che tutti hanno capito cosa significa. Per chi dura da prendere, i decenni conosciuti anche come TTS. E se non capiva, ti invito a perdonare.

Sorrisi
4. Tina.
Tina.
“L’ho visto con una colorazione fuori”

“Telefono un chiodo in un tutile”

Tina, all’estero è frutto, è anche i glutei nel suo complesso, con entrambi i tebqiet, con una crepa e un foro del tutto. Mi dispiace se stai attualmente mangiando Tina o ti chiami Tina.

Lancia
5. A Sorm.
Bum.
Lo chiamiamo in molti modi: Patate, Ano, Tina, Eye, Glutei. Ma in precedenza c’era il Sorm, una parola che viene utilizzata in molti idiomi. Questi alcuni di loro:

la sua faccia e il suo sormu ancora = tost, non confondere da nulla

Parlare da Sormu = per dire non ha senso

gli ha dato a Hundu = Narriquit, Vanticed, Irritat

Fortuna con Sormu = scopata, buona fortuna

con Sormha = Xurban, ubriaco / nervo, con un mento

WESI MORMU Bilit = Mal Treat, Rispettabile di qualsiasi cosa

I tuoi occhi in segni = per dire non a jissiħtiex

Due istrums in One hauls = due Iħbieb sempre insieme

fuggito le gambe con un sormu = scappato accade con quanta salute aveva

Xidja in padre di padre = fitt, antipakku dalla grande rete

Vuole tutto con Soru = guarda sempre tagliare gli altri senza essere citato in giudizio

Inserimento single in hunder = Bela Kanna, doveva essere disegnato con qualcosa o qualcuno

Quindi i tuoi occhi in Hormoch? = Chi non vede qualcosa di chiaro, ovvio

Questo non ha avuto un mezzogiorno non saputo = incapace, Abilità infase, non sorgere per niente

GRANDE SORRISO
6. Il karus.
Karus.
La fessura dei glutei carini carini dai pantaloni di alcuni costruttori, lavoratori governativi o qualcuno molto spesso. “Joe sempre con il Karus Imperrect per ammirare tutti”.

Sorriso 3.
Bonus: Tarzanelli.
Tarzanelli.
Pezzi di carta igienica Dopo la pulizia rimangono appeso con la lana Gulns sembrano oscillare un albero in un altro albero nel cuore della giungla. Tra gli altri questa parola lo trova nei testi del gruppo “Malta” raggruppato:

Malta – Chippers e Bighilla
Malta – Fagioli e pizzi
Malta – su un autobus
Malta – Pasta per piselli
Malta – lana con Tarzanelli