aperto e chiuso come le ali di un gabbiano gigante

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

aperto e chiuso come le ali di un gabbiano gigante, mettendo l’intero
edificio in moto, e dando la sensazione di un edificio che potrebbe prendere il volo.
Noi esseri umani vivono in due mondi. In primo luogo, c’è il mondo esterno delle apparenze
-Tutte le forme delle cose che affascinano il nostro occhio. Ma nascosto dal nostro
punto di vista è un altro mondo, come vanno queste cose in realtà la funzione, la loro anatomia o
composizione, le parti lavorano insieme e formando il tutto. Questo
secondo mondo non è così immediatamente accattivante. E ‘più difficile da capire. esso
non è qualcosa di visibile ad occhio, ma solo per la mente che intravede la
la realtà. Ma questo “come” delle cose è altrettanto poetica volta la intendiamo noi-it
contiene il segreto della vita, di come le cose si muovono e il cambiamento.
Questa divisione fra il “come” e il “cosa” può essere applicato a
quasi tutto intorno a noi, vediamo la macchina, non come funziona; noi
vedere un gruppo di persone che producono qualcosa come un business, non come il gruppo
è strutturato o come i prodotti sono prodotti e distribuiti. (In un
simile moda, tendiamo ad essere ipnotizzato dalle apparenze della gente, non il
psicologia dietro quello che fanno o dicono.) Come ha scoperto Calatrava, in
superare questa divisione, a combinare il “come” e il “cosa” di
architettura, ha acquisito una conoscenza molto più profonda, o meglio, più arrotondato
del campo. Afferrò una porzione più ampia della realtà che va a fare
edifici. Questo gli ha permesso di creare qualcosa di infinitamente più poetico, a
allungare i confini, per rompere le convenzioni dell’architettura stessa.
Comprendiamo: viviamo nel mondo di una separazione triste che ha iniziato un po ‘
cinquecento anni fa, quando arte e scienza divisi a parte. Gli scienziati e
tecnici vivono nel loro mondo, concentrandosi principalmente sul “come” delle cose.
Altri vivono nel mondo delle apparenze, utilizzando queste cose, ma in realtà non
capire come funzionano. Poco prima si è verificato questa scissione, è stata la
ideale del Rinascimento di combinare queste due forme di conoscenza. Questo è
il motivo per cui l’opera di Leonardo da Vinci continua ad affascinare noi, e perché il
Rinascimento rimane un ideale. Questa conoscenza più arrotondata è infatti la
via del futuro, soprattutto ora che molto di più informazioni
a disposizione di tutti noi. Come intuì Calatrava, questo dovrebbe essere una parte della nostra
apprendistato. Dobbiamo farci studiare più profondamente possibile la
La tecnologia che usiamo, il funzionamento del gruppo in cui lavoriamo, l’economia
del nostro campo, la sua linfa vitale. Dobbiamo chiedere costantemente le domande-come si fa

https://amzn.to/2GCjTw1

———-

opened and closed like the wings of a giant seagull, putting the entire
edifice into motion, and giving the sense of a building that could take flight.
We humans live in two worlds. First, there is the outer world of appearances
—all of the forms of things that captivate our eye. But hidden from our
view is another world—how these things actually function, their anatomy or
composition, the parts working together and forming the whole. This
second world is not so immediately captivating. It is harder to understand. It
is not something visible to the eye, but only to the mind that glimpses the
reality. But this “how” of things is just as poetic once we understand it—it
contains the secret of life, of how things move and change.
This division between the “how” and the “what” can be applied to
almost everything around us—we see the machine, not how it works; we
see a group of people producing something as a business, not how the group
is structured or how the products are manufactured and distributed. (In a
similar fashion, we tend to be mesmerized by people’s appearances, not the
psychology behind what they do or say.) As Calatrava discovered, in
overcoming this division, in combining the “how” and the “what” of
architecture, he gained a much deeper, or rather more rounded knowledge
of the field. He grasped a larger portion of the reality that goes into making
buildings. This allowed him to create something infinitely more poetic, to
stretch the boundaries, to break the conventions of architecture itself.
Understand: we live in the world of a sad separation that began some
five hundred years ago when art and science split apart. Scientists and
technicians live in their own world, focusing mostly on the “how” of things.
Others live in the world of appearances, using these things but not really
understanding how they function. Just before this split occurred, it was the
ideal of the Renaissance to combine these two forms of knowledge. This is
why the work of Leonardo da Vinci continues to fascinate us, and why the
Renaissance remains an ideal. This more rounded knowledge is in fact the
way of the future, especially now that so much more information is
available to all of us. As Calatrava intuited, this should be a part of our
apprenticeship. We must make ourselves study as deeply as possible the
technology we use, the functioning of the group we work in, the economics
of our field, its lifeblood. We must constantly ask the questions—how do

https://amzn.to/2GCjTw1

———-

wavula avaliwe like ngamaphiko seagull giant, ngokubeka lonke
sezigidigidi ku ezinyakazayo, futhi enikeza umqondo isakhiwo kungathatha indiza.
Thina abantu bukhoma emihlabeni emibili. Okokuqala, kukhona izwe elingaphandle ukuvela
-bonke amafomu izinto captivate iso lethu. Kodwa kufihliwe kusukela yethu
Ukubuka kwenye indawo-ezweni kanjani lezi zinto empeleni umsebenzi, umumo womzimba wabo noma
Ukwakheka, izingxenye besebenza ndawonye futhi obumba lonke. Lokhu
yezwe yesibili akunjalo ngokushesha umxhwele. Kuyinto nzima ukuqonda. it
akuyona into esibonakala ngamehlo, kodwa kuphela lowomqondo ukulunguza le
ngokoqobo. Kodwa lokhu “kanjani” ngezinto kunjengasezinsukwini esankondlo kanye siyaqonda ke-ke
iqukethe imfihlo yokuphila, izinto ukuthutha futhi ushintsho kanjani.
Lokhu wahlukanisa “indlela” futhi “lokho” singasebenza
cishe yonke into esiyibonayo-sibona umshini, okusebenza hhayi kanjani; thina
ukubona iqembu labantu esikhiqiza into njengoba ibhizinisi, hhayi indlela iqembu
wakhiwe noma kanjani imikhiqizo ekhiqizwa futhi kusakazwe. (Kwi
Ngendlela efanayo, sivame ukuba mesmerized ukubonakala kwabantu, hhayi
Psychology zalokho abakushoyo noma abakwenzayo.) Njengoba Calatrava wathola, e
zokunqoba yilesi sigaba, e ngokuhlanganisa “indlela” futhi “lokho” of
izakhiwo, wathola i-olujule kakhulu, noma kunalokho oyindilinga ngaphezulu
zasendle. Yena uye wayiqonda ingxenye enkulu ngokoqobo ukuthi ingena ekwenziweni
izakhiwo. Lokhu kwakumenza akwazi ukuthutha udale into engachazeki olusankondlo ngaphezulu, ukuze
yokwelula kwemingcele, ukuphula le mihlangano bokwakha uqobo.
Qonda: siphila ezweni ngokwahlukana Kuyadabukisa ukuthi waqala abanye
iminyaka engamakhulu amahlanu edlule lapho yobuciko nesayensi ukuqhekezeka. ososayensi futhi
ochwepheshe aphile ezweni yabo, ngokugxila ikakhulukazi “kanjani” ngezinto.
Abanye baphilela ukushona emhlabeni ukuvela, ngokusebenzisa lezi zinto kodwa hhayi ngempela
ukuqonda asebenza kanjani. Ngaphambi nje kokuba kwenzeke lokhu kuqhekeka, kwakuyizwi
ekahle Renaissance ukuhlanganisa lezi izinhlobo ezimbili ulwazi. Lokhu
kungani umsebenzi uLeonardo da Vinci uyaqhubeka uthakazelisa kithi, futhi kungani
Renaissance isalokhu ekahle. Lolu lwazi oyindilinga xaxa eqinisweni
indlela esizayo, ikakhulukazi manje ukuthi ulwazi ngakho kakhulu kangakanani
atholakale sonke. Njengoba Calatrava intuited, lokhu kufanele kube ingxenye yethu
izimfundamakhwela. Kufanele sihlale sikulungele ngifundelwe ngokujulile ngangokunokwenzeka
ubuchwepheshe sisebenzisa, ukusebenza iqembu sisebenze, ezomnotho
wensimu yethu, igazi laso. Kudingeka sihlale ukubuza imibuzo-kanjani

Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.