Come hanno fatto le famiglie e le imprese maltese

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

Come hanno fatto le famiglie e le imprese maltese durante la pandemia?

Il fatto che le famiglie e le imprese maltesi erano ben protette dall’assistenza finanziaria del governo sia già note. Il numero di quelle registrazione per la disoccupazione è rimasta bassa, mentre la proporzione della popolazione in grave privazione del materiale è diminuita. Il numero di imprese ha continuato a salire, mentre l’occupazione è superiore a quello che era un anno prima.

Sappiamo anche che il sistema bancario è molto liquido. Tanto che quando il governo emette le scorte del governo di Malta sono pesantemente sovrastanti. Ci sono stati anche segnalazioni che i depositi con le principali banche hanno raggiunto livelli di registrazione. In termini di ricchezza reale, per lo più ricchezza alloggi, sappiamo che le vendite delle proprietà hanno boomed, e i prezzi delle case hanno mantenuto un percorso leggermente verso l’alto.

Tuttavia, una valutazione più completa della posizione finanziaria complessiva delle famiglie e delle imprese è mancante nel dibattito nazionale. Varie sondaggi, in particolare quelli rilasciati dalla Commissione europea, hanno indicato che le famiglie e le imprese sono fiduciose sulla loro situazione finanziaria, con famiglie maltesi che sostengono che al momento sono in grado di effettuare acquisti importanti.

Ma cogliere pienamente la situazione finanziaria efficace delle famiglie e delle imprese, l’approccio migliore è analizzare i conti finanziari compilati per entrambi i settori. Questi sono pubblicati su base trimestrale dalla Banca centrale di Malta sul suo sito web e approvato dalla Banca centrale europea.

Alla fine del 2020, le famiglie maltesi avevano attività finanziarie nette di 22,7 miliardi di euro. Questo è stato di 1,1 miliardi di euro superiore o il 5% in più, rispetto alla situazione all’inizio della pandemia. Le famiglie stanno ora in possesso di € 114 milioni di euro in più in banconote e monete, 876 milioni di euro in più di depositi, 259 milioni di euro in più in equità e investimenti e 218 milioni di euro in più in conti assicurativi e pensionistici. La quantità di prestiti e conti da pagare è aumentato, mentre si tengono conto delle obbligazioni cadute in qualche modo.

I conti finanziari consentono di confrontare quello che è accaduto nei primi nove mesi della pandemia con ciò che era accaduto nei primi nove mesi se la crisi economica del 2008. La differenza è sbalorditiva. La pandemia, che è uno shock economico molto più grande della crisi del 2008, ha visto famiglie a migliorare la loro posizione finanziaria. La crisi del 2008 le aveva visto affrontare una perdita di un terzo di un miliardo di euro, o un calo del 3%. Ciò ha riflesso una grande caduta del valore del patrimonio netto, un aumento del debito e di altri conti da pagare, e abbassamenti assicurativi e pensionistici inferiori.

Pertanto, mentre nella pandemia le attività finanziarie nette delle famiglie sono aumentate del 5%, nella crisi economica del 2008 erano cadute del 3%.

Passando alle imprese, le loro attività finanziarie nette sono diminuite di 363 milioni di euro o del 3%. Ciò riflette una caduta del valore del patrimonio netto, insieme ad un aumento dei prestiti. A fronte di ciò, altri conti dovuti diminuiti mentre le imprese hanno aumentato le loro partecipazioni di contanti e depositi bancari. Quest’ultimo, ad esempio è aumentato di 461 milioni di euro durante i primi nove mesi della pandemia, nonostante tale attività fosse gravemente colpita.

Guardando i primi nove mesi della crisi economica del 2008, le attività finanziarie nette delle società non finanziarie erano diminuite di 460 milioni di euro o del 6%. In tale crisi, la goccia non era nel valore del patrimonio netto, ma piuttosto un calo dei depositi bancari e un grande aumento dell’indebitamento. Questa è stata una forte riduzione della liquidità in una situazione quando le aziende erano altamente sfruttate. Rispetto al 2008, le imprese hanno ora depositi che sono quattro volte più grandi, mentre i loro prestiti sono aumentati del solo il 60%.

I conti finanziari confermano che le famiglie e le imprese sono andate molto meglio che nella crisi del 2008, anche se lo shock economico di quest’ultimo era molto meno sostanziale. Oltre al fatto che ciò riflette la resilienza dell’economia maltese, che si è diversificata negli ultimi anni e ha riscosso più la catena del valore globale, bisogna riconoscere la grande assistenza finanziaria del governo. Detto questo, anche mentre nel 2008 il governo ha adottato la politica di Austerità e non ha assistito le imprese e le famiglie, mentre ora il pacchetto di assistenza di Malta è uno dei più generosi del mondo, il peso del debito nazionale sarà lo stesso, o il 65% del PIL . Questo è un vero testamento di buona gestione economica.

https://thejournal.mt/how-did-maltese-hoholds-and-Firms-fare-During-the-pandemic/
———-

How did Maltese households and firms fare during the pandemic?

The fact that Maltese households and firms were well protected by Government financial assistance is already quite known. The number of those registering for unemployment has remained low, while the proportion of the population in severe material deprivation has fallen. The number of firms has continued to rise, while employment is higher than it was a year earlier.

We also know that the banking system is very liquid. So much so that when Government issues Malta Government Stocks they are heavily oversubscribed. There have also been reports that deposits with the major banks have reached record levels. In terms of real wealth, mostly housing wealth, we know that property sales have boomed, and house prices have maintained a slightly upward path.

However, a more comprehensive assessment of the overall financial position of households and firms is missing in the national debate. Various surveys, particularly those issued by the European Commission, have indicated that households and firms are confident about their financial situation, with Maltese households claiming that at present they are able to make major purchases.

But to fully grasp the effective financial situation of households and businesses, the best approach is to analyse the financial accounts compiled for both sectors. These are published on a quarterly basis by the Central Bank of Malta on its website and approved by the European Central Bank.

Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.