Come il mercato immobiliare maltese stata salvata

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

Come il mercato immobiliare maltese è stata salvata

Nei primi mesi del 2020, il mercato immobiliare maltese ha dato segni che stava per serbatoio. Dopo innumerevoli anni di attività molto sano, le transazioni sono crollati. Il numero di atti finali di vendita è sceso da oltre 1.000 nei mesi precedenti a poco più di 550 maggio 2020. Il valore complessivo dei beni comprato dimezzato a appena al di sopra di 100 milioni di €. Il futuro sembrava terribile. Il numero di promesse di vendita che sono stati sottoscritti, è sceso da 1.200 a un anno prima a poco meno di 270, segnando un calo di oltre il 75%. Alla fine del primo trimestre del 2020 i prezzi delle case erano del 4,4% al di sotto del loro valore di fine 2019. Per dare una certa prospettiva, nel resto d’Europa erano 1,4% in su.

La proprietà è la principale risorsa delle famiglie maltesi. Il che significa che se i serbatoi del mercato immobiliare, l’impatto non è, come alcuni commentatori sostengono, per lo più sentito dai promotori immobiliari. L’impatto più duro cade sulle famiglie maltesi media. Da solo che calo iniziale della famiglia maltese media avrebbe avuto un calo della sua ricchezza equivalente netta di € 8.800, asciugandosi la pena dei suoi precedenti risparmio di due anni.

Inoltre, come fuori punte da innumerevoli FMI e rapporti agenzia di rating, uno shock dei prezzi delle case a Malta, data la concentrazione di mutui in portafoglio crediti delle banche, avrebbe un forte impatto sulle banche. Quest’ultimo dovrebbe accrescere le loro disposizioni, per compensare il valore di caduta dei rischi collaterali e accresciute, tagliando la fornitura di credito all’economia. Uno sguardo alle cifre di credito per la prima parte del 2020 confermano che le banche maltesi erano molto veloce a reagire. Nel mese di aprile 2020, l’importo totale dei prestiti concessi dalle banche locali è diminuito di € 40 milioni. Questa contrazione del credito trasmetterebbe l’impatto dei prezzi delle case caduta ad altri settori economici, che sarebbero drenati della finanza hanno bisogno per operare.

Governo, irto di tante sfide, può essere tentati di guardare da parte e concentrarsi su altre questioni. Questo è, dopo tutto, ciò che il governo aveva fatto nella crisi finanziaria del 2008. Nel secondo trimestre del 2008 i prezzi delle case maltesi sono diminuiti del 4,1%. è stata intrapresa alcuna azione politica. Le banche hanno cominciato a stringere di credito, come il rapporto tra sofferenze raddoppiato. Il numero di permessi rilasciati quasi subito dimezzato. L’impatto non è stato fugace. I dati ufficiali indicano che, anche nel 2012, il volume delle transazioni immobiliari era ancora un quarto inferiore a quello del 2008. La correzione dei prezzi delle case del 2008 è stata senza dubbio una delle cause principali della i risultati poco brillanti dell’economia maltese negli anni successivi.

Riflettendo questa considerazione, l’attuale amministrazione ha intrapreso diverse azioni per sostenere il mercato immobiliare. La prima misura fondamentale è stato quello di introdurre una moratoria sui finanziamenti in essere. Questo significava che le banche hanno dovuto dare una vacanza temporanea per i mutuatari che sono stati colpiti dalla crisi. Entro fine luglio un decimo di tutte le famiglie con un mutuo, intorno 7.400 famiglie, sono stati beneficiando. Invece di affrontare problemi finanziari, che nel peggiore dei casi potrebbe li hanno portato ad affrontare una preclusione e devono vendere la loro proprietà, queste famiglie sono andati avanti con le loro vite.

Invece di affrontare problemi finanziari, che nel peggiore dei casi potrebbe li hanno portato ad affrontare una preclusione e devono vendere la loro proprietà, queste famiglie sono andati avanti con le loro vite.

Tale assistenza è stato un successo. Il numero di famiglie ancora a seconda della moratoria ora è ridotto a meno di 740, o solo uno su cento delle famiglie con mutui. Il fatto che i proprietari di abitazione esistenti sono stati colpiti duramente, ha ridotto la pressione sul mercato immobiliare e impedito tanking. Mentre nei mesi immediati dopo la pandemia, le banche locali hanno ridotto il loro credito per l’acquisto di abitazioni, da allora è aumentato di oltre € 400 milioni.

Governo non si accontentò di fermare il mercato da caduta. Nel mese di giugno, la politica attiva l’offensiva. Annunciando un taglio temporaneo inatteso imposta di bollo, governo ha fornito un incentivo per i nuclei familiari con ampia liquidità di usare questo per salire la scala di proprietà. Il provvedimento è stato un incredibile successo. Invece di continuare a scendere dal mezzo, proprietà in vendita tornarono al loro livello precedente e poi ha iniziato a migliorare. La tabella seguente mostra le tendenze pre e riduzione dei dazi post-bollo. Gli atti definitivi firmati di vendita sono leggermente al di sopra della quantità precedente, mentre il trend di calo dei prezzi degli immobili invertito. Ancora più importante, il numero delle promesse di vendita è salito alle stelle, in aumento di quasi il 60%. Per dare una certa prospettiva, ad aprile 1.430 promesse di vendita sono stati firmati, cinque volte migliore rispetto al 2020, e il numero più alto mai registrato.

Il pieno impatto economico della riduzione di imposta di bollo sarà evidente nei prossimi mesi solo quando queste promesse di vendita diventano atti finali di vendita. Tutti coloro che sono coinvolti in mobili per la casa, elettrodomestici, abbellimenti di proprietà e qualsiasi cosa che riguarda immobili sono in per la forte domanda nei prossimi mesi.

I “soliti sospetti” sostengono che si tratta di un altro caso di salto governo per salvare i suoi compagni di sviluppo. La realtà è che questa misura è stata una manna dal cielo per famiglie della classe media. Invece di preoccuparsi, come nel 2008 per la caduta dei valori immobiliari e moderazione banca di credito, questa volta, la situazione è completamente diversa.

Questo impatto positivo sottende l’aumento della fiducia dei consumatori, che molti economisti ritengono che farà sì che la domanda interna a picco nei prossimi trimestri la crescita economica di guida verso la parte superiore della classifica della UE. Ancora più importante governo ha impedito la crisi di cadere sulle spalle delle famiglie e invece attraverso una serie di misure ben pensato, ha continuato a sostenere il loro benessere.

Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.