Divieto di plastica sulla porta intensificando gli

Divieto di plastica sulla porta: intensificando gli sforzi
Foto di credito: Jacob Sammut

1.232 chili di rifiuti sono stati raccolti attraverso pulizie organizzate durante le tre edizioni della sola salvataggio della nostra campagna blu, Thejournal.mt è informato.

Gli oggetti più popolari raccolti includono pezzi ingombranti di rifiuti come legno, gomme in gomma e attrezzature da pesca, nonché macro e micro plastica, quest’ultimo è di pezzi di plastica inferiore a 5 mm di dimensioni.

Tutti questi rifiuti sono chiaramente dannosi per gli ecosistemi marini, rendendo la questione ancora più importante da affrontare dato che il 35% delle acque maltese classifica come aree protette marine.

Sfortunatamente, sembra che le spiagge diffuse stanno diventando ancora sempre più comuni. Tipicamente, si vedrebbe lettiere che vanno da bottiglie di plastica, mozziconi di sigarette, involucri di cibo, contenitori di cibo, sacchetti di plastica, posate, cannucce, gemme di cotone, tazze e coperchi, tra gli altri. Una volta disseminato, questi elementi sfortunatamente finirebbero per essere portati via in mare, danneggiando la vita marina e forse entrò nella nostra catena alimentare.

I messaggi di consapevolezza sui pericoli dei pericoli delle materie plastiche monouso e dei rifiuti irresponsabili sono stati continuamente circolanti negli ultimi tre anni dal ministero dell’ambiente, sottolineando la necessità di fermare i rifiuti e proteggere i nostri habitat marini. Ma molto deve essere fatto.

Quest’anno, questa opportuna richiesta di consapevolezza arriva a un tempismo impeccabile, con il vietario dell’importazione di plastiche monouso all’inizio di quest’anno. Fondamentalmente, i prodotti che sono vietati dall’essere importati a Malta includono agitanti di bevande in plastica, contenitori di polistirene alimentari e bevande, posate in plastica, piatti, cannucce, plastiche oxo-degradabili, bastoncini palloncini e bastoncini di cotone. Prossimo gennaio 2022 Questi stessi articoli saranno anche banditi da essere posizionati sugli scaffali da vendere.

Infatti, quest’anno, il salvataggio della nostra campagna blu sta intensificando i suoi messaggi di consapevolezza per educare il pubblico su questo cambiamento e, soprattutto, sulle opzioni delle alternative sostenibili alle plastiche single-use che sono già disponibili sul mercato locale. Diverse aziende hanno già saltato sul carrozzone mettendo prodotti alternativi sui loro scaffali, come gemme di cotone di bambù, posate di bambù e cannucce di carta.

Per il terzo anno consecutivo, il Ministero dell’Ambiente ha pianificato un programma estivo occupato, in particolare attraverso l’organizzazione di varie pulizie e immersioni intorno a Malta e Gozo. Grazie all’aiuto delle ONG ambientali locali, incluso Din L-Art Helwa, Bird Life Malta, fiducia della natura e # żibel Un numero considerevole di rifiuti è già stato raccolto e disposto correttamente.

Ora più che mai, dobbiamo intraprendere lo sforzo per eliminare la plastica dell’uso singolo dal nostro ambiente marino per prendere il salvataggio del nostro pegno blu e partecipare a far parte della soluzione e non nell’inquinamento.

https://thejournal.mt/plastic-ban-on-the-doorstep-intensity-ements/
———

Plastic ban on the doorstep: intensifying efforts
Photo credit: Jacob Sammut

1,232 kilos of waste was collected through organised clean-ups during three editions of the Saving our Blue campaign alone, TheJournal.mt is informed.

The most popular items collected include bulky pieces of waste such as wood, rubber tyres and fishing gear, as well as macro and micro plastics, the latter being plastic pieces less than 5mm in size.

All these waste items are clearly harmful to marine ecosystems, making the matter even more important to address given that 35% of Maltese waters classify as Marine Protected Areas.

Unfortunately, it appears that littered beaches are becoming even more and more common. Typically, one would see litter ranging from plastic bottles, cigarette butts, food wrappers, food containers, plastic bags, cutlery, straws, cotton buds, cups and lids, amongst others. Once littered, these items unfortunately would end up carried away into sea, harming marine life and possibly entering our food chain.

Awareness messages on the dangers of single-use plastics and irresponsible littering have been continuously circulating in the last three years by the Environment ministry, emphasizing the need to stop littering and protect our marine habitats. But much needs to be done.

This year, this opportune call for awareness comes at an impeccable timing, with the banning of the import of single-use plastics at the beginning of this year. Basically, the products that are prohibited from being imported to Malta include plastic beverage stirrers, food and Beverage Polystyrene containers, plastic cutlery, plates, straws, oxo-degradable plastics, balloon sticks and cotton bud sticks. Coming January 2022 these same items will also be banned from being placed on the shelves to be sold.

In fact, this year, the Saving our Blue Campaign is intensifying its awareness messages to educate the public about this change, and more importantly on the options of sustainable alternatives to single-use plastics that are already available on the local market. Several businesses have already jumped on the bandwagon by putting alternative products on their shelves, such as bamboo cotton buds, bamboo cutlery and paper straws.

For the third consecutive year, the ministry for the environment has planned a busy summer schedule, in particular through the organisation of various clean-ups and dives around Malta and Gozo. Thanks to the help of local environmental NGOs’, including Din l-Art Helwa, Bird Life Malta, Nature Trust and #Żibel a considerable number of litter has already been collected and properly disposed of.

Now more than ever, we need to embark on the effort to eliminate single use plastic from our marine environment to take the Saving our Blue Pledge and join in being part of the solution and not the pollution.

Plastic ban on the doorstep: intensifying efforts


———

Ukuvinjelwa kwepulasitiki emnyango: Kuqinisa imizamo
Isikweletu sesithombe: UJacob SAMMMUT

I-1,232 kilos yemfucumfucu yaqoqwa ngokusebenzisana okuhleliwe ngesikhathi sokuhlelwa ezintathu sokonga umkhankaso wethu oluhlaza okwesibhakabhaka kuphela, i-The Jourtal.mt iyaziswa.

Izinto ezithandwa kakhulu eziqoqwe zifaka izingcezu ezinobukhulu zemfucumfucu ezinjengezinkuni, amathayi enjoloba kanye negiya lokudoba, kanye namapulasitiki ama-macro kanye nama-micro.

Zonke lezi zinto zemfucuza ziyingozi ngokucacile emvelo yasolwandle, okwenza le ndaba ibaluleke kakhulu ukuba ibheke ukuthi inikezwe ukuthi ama-35% amanzi aseMalta ahlukanise njengezindawo ezivikelwe zasolwandle njengezindawo ezivikelwe zasolwandle.

Ngeshwa, kuvela ukuthi amabhishi angcolisiwe asejwayela ngokwengeziwe. Imvamisa, umuntu uzobona udoti osuka emabhodleleni epulasitiki, ama-ugwayi, izimbotshana zokudla, izikhwama zokudla, izikhwama zepulasitiki, ama-starlery, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi, izinkomishi. Uma usulotshwe, lezi zinto ngeshwa zazizophela zingene olwandle, zilimaze impilo yasolwandle futhi mhlawumbe zingenele iketanga lokudla.

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.