Il post di Vella correva sulla falsariga che Fenec

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

Il post di Vella correva sulla falsariga che Fenech Adami non sarebbe “morto presto” e perché “Dio non ha raccolto la vecchia spazzatura”.

L’uomo che ha caricato il post sull’odio di Eddie Fenech Adami si scusa in tribunale

NationalCourtSocial media

4 ore fa|Edwina Brincat2 min di lettura

Il post di Victor Vella ha suscitato la reazione di Beppe Fenech Adami.

Un uomo è stato liberato dai guai dopo essersi scusato per un commento su Facebook che aveva pubblicato su Eddie Fenech Adami, che lo ha portato in tribunale con l’accusa di incitamento all’odio.

Victor Vella è stato preso di mira da un atto di citazione innescato dall’incidente avvenuto il 7 febbraio, quando l’ex presidente e primo ministro ha festeggiato il suo 87esimo compleanno.

Il post di Vella correva sulla falsariga che Fenech Adami non sarebbe “morto presto” e perché “Dio non ha raccolto la vecchia spazzatura”.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

SCORRI PER CONTINUARE

Quel commento aveva prontamente scatenato una reazione da parte del figlio di Fenech Adami, Beppe, che aveva segnalato “tanta odio” nella speranza di porre fine a commenti così negativi.

Mentre persone di diversa inclinazione politica avevano festeggiato il compleanno dello statista, Vella aveva pubblicato il commento odioso, il deputato nazionalista aveva scritto il giorno successivo.

Le accuse sono state mosse contro l’autore di quel post sui social media che è stato debitamente convocato davanti al tribunale dei magistrati martedì.

Alla presenza del figlio della vittima, Vella ha offerto scuse che sono state accettate dal deputato della PN che ha espresso la speranza che simili episodi di odio non si ripetano mai.

Vella ha promesso di astenersi dal caricare tali post in futuro.

Alla luce di tali scuse il tribunale, presieduto dal magistrato Donatella Frendo Dimech, ha severamente ammonito l’imputato a non ripetere mai commenti così odiosi contro nessuno sui social, aggiungendo che se dovesse mancare alla sua promessa, Vella non si aspetterebbe clemenza in tribunale.

L’ispettore Christina Delia è stato processato.

Gli avvocati Michael Sciriha e Matthew Xuereb erano avvocati difensori.

 

Il giornalismo indipendente costa. Supporta Times of Malta al prezzo di un caffè.

Supportaci

Edwina Brincat

giornalista del tribunale

PRECEDENTE

Eriksen rassicura mentre la Danimarca prova ad andare avanti con Euro 2020

IL PROSSIMO

Il complesso di Bay Street completa il rinnovamento di 14 milioni di euro

Articoli sponsorizzati

Bilanciare la crescita economica sostenibile con la qualità della vita: una sfida nazionale

Tre cose che potresti non sapere sull’industria del gioco d’azzardo online in Giappone

Difendere ciò che è giustamente nostro

La birra bavarese Ayinger ora a Malta

Perdita di biodiversità e cambiamento climatico

Uno spazio virtuale con una regolamentazione reale

Il giornalismo indipendente costa.

Supportaci

Seguici:

Nazionale

Mondo

Opinione

Comunità

Sport

automobilismo

Attività commerciale

#TimesTalk

Divertimento

Tecnologia e giochi

Termini & Condizioni

Termini dei concorsi

Informativa sulla Privacy

Politica sui commenti

Contattaci

Segnalare un bug

Inviaci la tua storia

Suggerimenti per le notizie sicure

Stampa tasso annuncio

Tasso di annunci online

Supportaci

Copyright © 2021 Times of Malta. Tutti i diritti riservati.

Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.