Il primo miliardo2020 stato il primo anno nella s

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

Il primo miliardo

2020 è stato il primo anno nella storia che ha visto il governo maltese spendere più di un miliardo di euro per le prestazioni sociali. Ciò significa che uno su dieci di ogni euro generata in produzione economica nel 2020 è stato consegnato a chi ha più bisogno.

I dati ufficiali visti da TheJournal.mt mostrano che negli ultimi otto anni, la spesa per prestazioni di sicurezza sociale è aumentato di oltre 294 milioni di €, o del 38%. Il più grande aumento assoluto era in pensioni contributive in cui la spesa è aumentata di oltre € 200 milioni. Mentre le amministrazioni precedenti avevano tenuto le pensioni, nella migliore delle ipotesi, congelati in termini reali, l’amministrazione dopo il 2013 ha sollevato la spesa complessiva del 51%. In soli cinque anni la pensione minima per un pensionato singolo è passato da € 130 a settimana a € 149 a settimana, un aumento significativo del 15%. Se l’aumento era stato limitato alla COLA annua, come era il caso in amministrazioni precedenti, l’aumento sarebbe stato metà di questa somma.

Il più marcato aumento della spesa sociale era sulle indennità di invalidità, che sono aumentate di quasi il 150% nell’arco di otto anni. Ciò riflette in primo luogo l’introduzione nel 2017 di assistenza grave disabilità, che ha sostituito quello che era in precedenza chiamata la pensione di invalidità. Questo nuovo beneficio, oltre ad essere più generoso, è aumentato ammissibilità del 50% e ora fornisce assistenza a 3.400 beneficiari.

Una delle poche spese che ridotto nel tempo è quello della assistenza sociale. Ciò riflette il successo della politica occupazionale attiva del governo che ha provocato un calo del numero di coloro che dipendono dall’assistenza sociale in quanto più persone nel mondo del lavoro è andato. Anche nel 2020, nonostante la pandemia, il numero di coloro che ricevono assistenza sociale è sceso a 4.598 da 4.991 nel 2019. Ciò significa che uno su dodici persone dipendenti da questa assistenza nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro retribuito durante il 2020. Allo stesso modo, il numero di single genitori che beneficiano di assistenza sociale è sceso da 2.734 a 2.616, con quasi 120 genitori single riuscendo a trovare un lavoro retribuito durante la pandemia.

Nonostante la pandemia, circa 500 individui in precedenza dipendere dall’assistenza sociale erano in grado di, finanziariamente, camminare con le proprie gambe. Vale la pena notare che nel periodo successivo alla crisi finanziaria molto meno pronunciata del 2009, vi era stato un aumento di 900 persone in cerca di assistenza sociale. Mentre nel 2010 il 4,2% della popolazione maltese era dipendente da questa assistenza, nel 2020 il rapporto è sceso al 1,7% – il più basso nella storia.

Durante il 2020, il governo ha introdotto una serie di misure per aumentare le prestazioni di sicurezza sociale. Per esempio, 3000 famiglie hanno ricevuto un bonus assegni familiari insieme ad un aumento della franchigia dei loro figli. Di conseguenza, la spesa per questi benefici è aumentato di 2,5 milioni di €. Al contrario, nel periodo successivo alla crisi finanziaria del 2009, l’amministrazione nazionalista aveva ridotto la spesa per indennità per bambini di € 2 milioni.

Come parte dei suoi sforzi per sostenere i redditi, nonostante gli effetti economici della pandemia, il governo ha aumentato la spesa per indennità di badanti di € 2 milioni e che sul assegno di invalidità grave di € 2,3 milioni. Circa 3.300 persone sul beneficio in-lavoro, un sistema innovativo introdotto dall’amministrazione dopo il 2013, che aumenta il reddito degli occupati che sono sui salari bassi, sono stati dati un supplemento e aumenta a loro vantaggio. Le condizioni di ammissibilità sono stati ampliati di nuovo, in modo tale che la spesa era una volta e mezzo quella di un anno prima.

Inoltre, a differenza di altri tempi economicamente impegnativi in ​​passato, pensionati nel 2020 non sono stati ignorati. La spesa è stata aumentata da un record di € 40 milioni, un quarto dei quali è andato a quelli delle pensioni più basse. Pensioni per le vedove e sulle pensioni non contributive sono aumentate di quasi altri 10 milioni di €.

Una coppia in pensione minima nel corso degli ultimi cinque bilanci hanno visto il loro aumento di reddito di oltre € 3.100 o 44% a seguito di misure fiscali e previdenziali. Una coppia sul salario minimo con due bambini ha visto anche un aumento di poco meno di € 3.100 nello stesso periodo.

The First Billion


———–

The First Billion

2020 was the first year in history that saw the Maltese Government spend more than a billion Euros on social benefits. This means that one in ten of every Euro generated in economic output during 2020 was handed over to those most in need.

Official figures seen by TheJournal.mt show that in the past eight years, the spending on social security benefits increased by over €294 million, or by 38%. The largest absolute increase was in contributory pensions where spending rose by over €200 million. Whereas previous administrations had kept pensions, at best, frozen in real terms, the post-2013 administration has raised overall spending by 51%. In just five years the minimum pension for a single pensioner rose from €130 per week to €149 per week, a significant rise of 15%. If the increase had been limited to the annual COLA, as was the case under previous administrations, the rise would have been half this amount.

The most pronounced increase in social expenditure was on disability allowances, which have increased by nearly 150% over eight years. This reflects primarily the introduction in 2017 of severe disability assistance, which replaced what was previously called the disability pension. This new benefit, besides being more generous, increased eligibility by 50% and now provides assistance to 3,400 beneficiaries.

One of the few expenditures that declined over time is that of social assistance. This reflects the success of the government’s active employment policy which resulted in a drop in the number of those dependent on social assistance since more persons went into employment. Even in 2020, despite the pandemic, the number of those receiving social assistance dropped to 4,598 from 4,991 in 2019. That means that one in twelve persons dependent on this assistance in 2019 managed to find gainful employment during 2020. Similarly, the number of single parents in receipt of social assistance dropped from 2,734 to 2,616, with nearly 120 single parents managing to find gainful employment during the pandemic.

Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.

http://xzh.i3geek.com