Il ritorno di Malta a uno degli eventi darte pi ce

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

Il ritorno di Malta a uno degli eventi d’arte più celebrati del mondo è soddisfatto di ottimi recensioni

Foto: Homo Melitensis / Instagram

Il padiglione di Malta è tornato alla Biennale d’arte di Venezia dopo 18 anni. Si è riunito sotto il titolo Homo Melitensis e prende la forma di una mostra collettiva indagando la ricerca di un’identità nazionale attraverso elementi artistici, archivistici e documentari.

La mostra, include opere di artisti e artisti maltesi della diaspora maltese, interrogando gli aspetti non implasi della vita maltese. Il padiglione è stato curato da Bettina Hutschek e Raphael Vella – due principali stalwarts nella scena artistica contemporanea maltese; Mentre la mostra è stata progettata da Tom van Malderen dal progetto di architettura – uno dei più importanti studi di architettura di Malta.

 

Torna con un botto!
La corsa fino all’apertura ha visto il padiglione di Malta è già presente in alcune delle pubblicazioni più importanti del mondo dell’arte. Fregio Magazine and Art Review Entrambe le funzionalità correggiano su di essa – un forte preludio al ricevimento ultimo del padiglione.

Dalla sua apertura è stata inclusa in una serie di elenchi di Biennale-Highlights dei revisori. Questo è un grosso problema visto che l’intero evento è enorme e include alcuni degli artisti e curatori più celebrati da tutto il mondo.

L’espresso, Notey, e il Guardian sono stati tutti inclusi homo melitensis nella revisione dei loro punti salienti dell’intera Biennale.

Incluso nei primi 5 padiglioni del Guardian
Laura Cummings, critica d’arte per il Guardian ha chiamato il padiglione di Malta come una delle sue prime cinque scelte per vedere all’evento. Ecco la sua descrizione del padiglione:

“Sardonica, esilarante, il ritratto della lingua della lingua di Malta di se stesso attraverso film, dipinti e sculture come un set di cliché quasi insormontabili – cavalieri maltesi, falchi, conigli, votici, maltesers (che sapevano?). Un’isola così rivista dalla politica che apparve persino alla Biennale è controversa: è un voto-catcher? ”

 

Speriamo che questo significhi che il padiglione di Malta diventerà regolare presso la Biennale d’arte di Venezia. Non dimenticare che l’evento di quest’anno scorre fino al 26 novembre, quindi se vuoi visitare il padiglione che sta prendendo gli occhi di arte dei critici – puoi ancora saltare su un volo per Venezia e farlo.

Massive ben fatto a tutti coinvolti. Compreso:

COMMISSARIO
ARTI CONSIGLIO MALTA.

PARTNER
Muża (Museo nazionale delle Belle Arti di Malta, Heritage Malta)
Ministero della giustizia, della cultura e del governo locale
Programma culturale della presidenza maltese del Consiglio dell’Unione europea nel 2017
Programma d’arte contemporanea di Valletta come capitale europea della cultura 2018
Artisti partecipanti
Adrian Abela.
John Paul Azzopardi.
Aaron Bezzina.
Pia Borg.
Gilbert Calleja.
Austin Camilleri.
Roxman gatt
David Pisani.
Karine Rougier.
Joe Sacco.
Teresa Sciberroras.
Darren Tanti.
Maurice Tanti Burlo ‘

Curatori
Bettina Hutschek.
Raffaello Vella.

SQUADRA
Esposizione Architetto Tom van Malderen / Architecture Project
Assistente architettonico Martina Cutajar
Graphic Design Jon Banthorpe
Assistente dei curatori Greta Muscat Azzopardi

Hai visitato il Padiglione di Malta alla 57th Venice Art Biennale? Dicci cosa hai pensato!

https://lovinmalta.com/lifestyle/art/maltas-return-to-one-of-the-worlds-most-clebrated-art-event-is-met-with-Great-reviews/
———

Malta’s Return To One Of The World’s Most Celebrated Art Events Is Met With Great Reviews

Photo: Homo Melitensis / Instagram

The Malta pavilion has returned to the Venice Art Biennale after 18 years. It came together under the title Homo Melitensis, and takes the form of a collective exhibition investigating the quest for a national identity through artistic, archival and documentary elements.

The exhibition, includes works by Maltese artists and artists from the Maltese diaspora, interrogating the unpolished aspects of Maltese life. The pavilion has been curated by Bettina Hutschek and Raphael Vella – two major stalwarts in the Maltese contemporary art scene; whilst the exhibition was designed by Tom Van Malderen from Architecture Project – one of Malta’s most prominent architecture studios.

 

Back with a bang!
The run up to the opening saw Malta’s pavilion already being featured in some of the art world’s most prominent publications. Frieze Magazine and Art Review both ran features on it – a strong prelude to the pavilion’s ultimate reception.

Since its opening it’s been included in a number of reviewers’ Biennale-highlights-lists. This is a huge deal seeing as the entire event is massive and includes some of the most celebrated artists and curators from around the world.

L’Espresso, Notey, and The Guardian have all included Homo Melitensis in their highlights review of the entire Biennale.

Included in The Guardian‘s Top 5 Pavilions
Laura Cummings, art critic for The Guardian named the Malta pavilion as one of her top five picks to see at the event. Here’s her description of the pavilion:

“Sardonic, hilarious, Malta’s tongue-in-cheek portrait of itself through films, paintings and sculptures as a set of nearly insurmountable cliches – Maltese knights, falcons, rabbits, votives, Maltesers (who knew?). An island so riven by politics that even appearing at the Biennale is controversial: is it a vote-catcher?”

 

Let’s hope this means the Malta Pavilion will become a regular at the Venice Art Biennale. Don’t forget that this year’s event runs till the 26th November, so if you want to visit the pavilion that’s been catching art critics’ eyes – you can still hop on a flight to Venice and do so.

Massive well done to everyone involved. Including:

COMMISSIONER
Arts Council Malta

PARTNERS
MUŻA (Malta’s National Museum of Fine Arts, Heritage Malta)
Ministry of Justice, Culture and Local Government
Cultural programme of the Maltese Presidency of the Council of the European Union in 2017
Contemporary art programme of Valletta as European Capital of Culture 2018
PARTICIPATING ARTISTS
Adrian Abela
John Paul Azzopardi
Aaron Bezzina
Pia Borg
Gilbert Calleja
Austin Camilleri
Roxman Gatt
David Pisani
Karine Rougier
Joe Sacco
Teresa Sciberras
Darren Tanti
Maurice Tanti Burlo’

CURATORS
Bettina Hutschek
Raphael Vella

TEAM
Exhibition architect Tom Van Malderen/Architecture Project
Architectural assistant Martina Cutajar
Graphic design Jon Banthorpe
Curators’ assistant Greta Muscat Azzopardi

Did you visit the Malta Pavilion at the 57th Venice Art Biennale? Tell us what you thought!

Malta’s Return To One Of The World’s Most Celebrated Art Events Is Met With Great Reviews


———

Ukubuyela kukaMalta komunye wemicimbi yobuciko obudumile kakhulu emhlabeni kuhlangatshezwane nezibuyekezo ezinhle

Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.