La nuova pandemia Disturbo PostCOVIDCome pi restri

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

La nuova pandemia: Disturbo Post-COVID

Come più restrizioni sono sollevati e la vita è tornare alla normalità, una nuova pandemia sta lentamente in – Disturbo Post-COVID. TheJournal.mt parlato Psicoterapeuta dottor Charles Cassar circa l’impatto COVID-19 ha avuto sulla nostra vita e come ha influenzato la salute mentale generale del pubblico maltese.

Gli esseri umani sono resistenti e hanno fatto attraverso le sfide enormi. Eppure COVID-19 ha avuto un forte impatto psicologico sulla popolazione mondiale. livelli di maggiore stress, ansia, depressione sono tutti sintomi comuni stata mostrata durante questo tempo.

Coloro che sono più vulnerabili a causa dell’età o di problemi medici sono stati anche in discussione da questa situazione senza precedenti da quando sono stati costretti a venire a patti con la loro fragilità e la lotta per preservare la loro vita.

Dr Cassar dice che la paura e l’ansia intensa nelle fasi iniziali della pandemia sono cambiati a causa della sicurezza percepita fornita dal programma di vaccinazione. Anche nel momento in cui le misure fossero stati più restrittivi, la maggior parte delle persone che avevano già iniziato ad adattarsi ad un ‘nuovo tipo di normale’ che ha coinvolto una serie di attività per il tempo libero, sia pure limitata dalle restrizioni imposte. Nonostante questo, l’impatto è stato ora reso:

“Così, mentre gli effetti della pandemia non saranno dimenticati e il tempo riuscirà a ripristinare una maggiore elementi di‘normalità’, un disturbo da stress post-COVID può sicuramente essere un fattore.”

Dr Charles Cassar

Uno studio condotto a livello locale, commissionato dalla MCESD ha mostrato che la maggior parte della forza lavoro locale (53%) è stato meno ottimista circa il futuro a partire dallo scoppio della pandemia, per ragioni specificamente correlate a COVID-19. Il pessimismo è stato trovato per essere più comune tra le donne (60,5%), i datori di lavoro (60,7%) e lavoratori autonomi (83,1%) che hanno confessato la paura specificato di guadagnare meno, con motivi di salute che sembra essere molto meno di una preoccupazione per loro . Se si guarda a età e reddito, è emerso che il meno ottimisti sono stati i (15-24 fascia di età), più giovani e le categorie a reddito medio (guadagna più di> € 30.000).

Allora, chi è a rischio di problemi di salute mentale?

Un recente studio internazionale, condotto in sette paesi (Australia, Cina, Ecuador, Iran, Italia, Norvegia e Stati Uniti) ha stabilito che la gravità dei disturbi di salute mentale dipende in modo significativo sul sesso, il tipo di attività all’aria aperta, caratteristiche case della gente , la presenza di conoscenti infetti, il tempo dedicato alla ricerca di informazioni correlate (nelle notizie e social network), il tipo di informazioni di origine e, in una certa misura, il livello di istruzione e di reddito.

Dr Cassar ritiene che i seguenti gruppi di persone sono state le più colpite dalla pandemia:

Coloro che hanno contratto il COVID-19. A parte la paura della morte stessa, ci sarebbe anche preoccupazioni di non sapere quali siano gli effetti a lungo termine del virus sarebbero stati insieme con la sensazione dura di isolamento dai propri cari e il resto del mondo.
Gli individui che hanno assistito esperienza familiare di, gli amici e colleghi o il potenziale sofferenza a causa del virus a causa di malattia vera e propria, la preoccupazione per i propri cari vulnerabili, la perdita di posti di lavoro o di reddito e di non essere in grado per i membri della famiglia si incontrano.
Coloro che hanno sperimentato la morte di familiari e amici come conseguenza del virus;
Coloro che sono stati esposti a situazioni terribili in cui erano impotenti o relativamente inefficaci nell’aiutare gli altri. Questo potrebbe includere persone come gli operatori sanitari o giornalisti che coprono storie legate alla pandemia.
Egli aggiunge che chiunque può essere a rischio di problemi di salute mentale. Mentre le esperienze delle persone possono incidere sulla loro salute mentale, ci sono anche altri fattori che possono contribuire. Questi includono la resistenza di una persona; la percezione delle loro esperienze; le strategie di coping adottate; le abitudini delle persone; e il modo in cui gli individui utilizzano mezzi di comunicazione e informazione.

Ma quali sono i segni rivelatori di persone che soffrono di PTSD e / o problemi di salute mentale, e come possiamo essere di aiuto?

Le persone che soffrono di problemi di salute mentale dovrebbero mostrare la loro agitazione in diversi modi:

“PTSD può manifestarsi in un certo numero di modi diversi, tra cui una vista di impotenza per il futuro, sentirsi distaccato dalla famiglia e dagli amici, sentirsi emotivamente insensibili, difficoltà a sperimentare emozioni positive e il mantenimento di stretti rapporti. Ci sarebbe di solito è anche pensieri negativi su se stessi, gli altri e il mondo. Essere consapevoli che questi possono essere sintomi di PTSD può aiutare uno per applicare un atteggiamento più comprensivo nei confronti delle persone che sono nel dolore e stanno lottando per tirare avanti.”

L’applicazione di una maggiore sensibilità è importante e andare un lungo cammino. Essere pazienti e comprensivi con una persona che può sembrare di fare un ‘grande affare’ nel corso di un piccolo problema, o no spingendo le persone a incontrare faccia a faccia quando si intuisce riluttanza a farlo, può essere esempi di come essere sensibili alle persone di esigenze e le possibili situazioni di ansia provocando. Esercitare la gentilezza e di essere meno giudicante, può sembrare semplice, ma sono fortemente trascurato mentalità.

The new pandemic: Post-COVID Stress Disorder


———–

The new pandemic: Post-COVID Stress Disorder

As more restrictions are lifted and life is getting back to normal, a new pandemic is slowly creeping in – Post-COVID Stress Disorder. TheJournal.mt spoke to Psychotherapist Dr Charles Cassar about the impact COVID-19 has had on our lives and how it has affected the general mental health of the Maltese public.

Humans are resilient and have made it through huge challenges. Yet COVID-19 has had a very strong psychological impact on the global population. Heightened levels of stress, anxiety, depression have all been common symptoms displayed during this time.

Those who are more vulnerable due to age or medical issues have also been challenged by this unprecedented situation since they were forced to come to terms with their fragility and the fight to preserve their lives.

Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.