Laborto Bill Analizzando i punti di forza di legge

L’aborto Bill: Analizzando i punti di forza di legge e difetti

Sia che si stava sorseggiando il caffè dopo il vostro negozio di caffè preferito riaperto e scorrendo il tuo feed o alla propria scrivania verifica della notizia, la notizia di una proposta legislativa che chiede la depenalizzazione dell’aborto a Malta è sicuramente qualcosa che nessuno si sarebbe aspettato su un pomeriggio di Mercoledì.

Il disegno di legge, presentato alla Camera dall’On. Marlene Farrugia, membro indipendente del Parlamento, naturalmente, ha scatenato una raffica di reazioni, che vanno dalla santificazione alla demonizzazione del parlamentare, a seconda di dove commentatori stavano sulla questione dell’aborto.

Come femministe, attivisti, oltre ad essere un avvocato e uno studente di legge, noi ovviamente abbiamo la nostra posizione su cui il paese dovrebbe essere diretto su questo tema. Tuttavia, la scorsa settimana è stato inondato con le opinioni, e riteniamo che il Bill che ha sconvolto i meriti nazione un’analisi giuridico più dettagliato, invece. Ecco dove ci concentreremo la nostra attenzione in questo pezzo.

Depenalizzazione vs. Legalizzazione: Due piselli nello stesso baccello?

Un errore comune che sembra essere prevalente nel dibattito sulla proposta di legge è che essa è essenzialmente legalizzazione dell’aborto. Questo non è corretto, e le due concetti sono completamente diversi nella loro applicazione ed effetto.

Depenalizzare un’azione non rende legale: si afferma semplicemente che nessuna sanzione penale (come ad esempio una pena o la reclusione) può essere applicata. Allo stesso modo, qualsiasi persona catturato commettere l’atto non sia arrestato o sottoposto a procedimento penale, dato, ovviamente, che nessuna conseguenza è attribuito a tale azione.

La legalizzazione, d’altra parte, non solo permette un’azione, ma regola anche come che l’azione può essere assunto. Nel caso dell’aborto, per esempio, la legalizzazione regolano quali metodi di aborto sono ammesse, in quanto le fasi della gravidanza, e per quali ragioni o circostanze.

Pertanto, il progetto di legge, come una proposta di depenalizzazione, volere in alcun modo portare a l’apertura di cliniche abortiste in ogni città e villaggio. Piuttosto, depenalizzazione si ferma a corto di legalizzazione da solo garantire che le donne che scelgono di interrompere la gravidanza, così come i professionisti che li assistono, non sono più suscettibili di punizione o considerati come criminali, pertanto, questo non porterà ad una condotta della polizia corrotto.

La proposta di legge: una dissezione

Onorevole di Farrugia Private Members Bill mira a modificare le disposizioni relative all’aborto nel codice penale, capitolo 9 delle leggi di Malta. La succinta Bill propone 5 emendamenti, che analizzeremo singolarmente qui.

La soppressione dell’articolo 241

Questa disposizione è il principale oggetto del contendere per gli attivisti pro-choice, in quanto criminalizza chiunque, tramite qualunque mezzo, cerca di interrompere una gravidanza – tra cui la donna incinta consenzienti se stessa. Una punizione pesante che va da diciotto mesi a una durata massima di tre anni di reclusione è legato a questo atto per tutte le parti.

La soppressione di questo articolo molto diffamato è quindi quello che sarebbe effettivamente depenalizzare l’aborto.

La soppressione dell’articolo 242

L’articolo stabilisce che dove i mezzi utilizzati per interrompere un vantaggio di gravidanza per la morte o gravi lesioni della donna incinta, l’autore del reato, in modo da provocare un aborto spontaneo, è responsabile nei confronti del stessa pena applicabile ai omicidio volontario o danni fisici intenzionale, diminuito di uno a due gradi.

Si consideri il contesto di quando questa legge è stata scritta: nel 1800, erano ovviamente stato fatto aborti vicolo, e la salute e la sicurezza non era certo in cima all’agenda di nessuno. Questa clausola, quindi, ha cercato di proteggere le donne dai praticanti goffi e procedure addirittura dannosi.

scenario di oggi non potrebbe essere più diverso: mentre aborti illegali sono ovviamente ancora parte della vita delle donne a Malta, con circa un aborto che si svolgono ogni giorno, i mezzi di procurare l’aborto, in particolare nel primo trimestre, sono molto più sicuro di quello che erano nel 1800.

Ciò non significa, tuttavia, che le donne sono esenti da danni, in quanto si trovano ad affrontare questa procedura solo e non protetto dalla legge.

On. Bill Farrugia propone sostituire tale clausola con una nuova clausola di aborto forzato (che è discusso in dettaglio nel seguito). Mentre aborto forzato è, naturalmente, ripugnante e deve rimanere un atto criminale, non è esattamente la stessa di causare la morte o lesioni attraverso l’aborto.

Questo, a nostro avviso, rivela anche il problema con depenalizzazione, al contrario di regolarizzazione. Un quadro regolamentato avrebbe, per esempio, ancora criminalizzare forzato e aborti vicolo indietro, ma in tandem, inoltre imporre norme pesanti con cui professionisti medici avrebbero dovuto rispettare quando chiude gravidanze. Rimozione di questa clausola in questo modo, naturalmente, è inferiore di questo elemento cruciale.

La soppressione dell’articolo 243

In questo articolo criminalizza tutti i professionisti medici che in qualche modo forniscono i mezzi o sostenere le donne nel cessazione della loro gravidanza, che li rende suscettibili di fino a 4 anni di reclusione, nonché l’interdizione di esercitare la loro professione.

Questa delezione, insieme alla rimozione dell’articolo 241, è necessario sollevare l’effetto refrigerazione attualmente impedire maggior parte degli operatori di assistere donne in difficoltà.

La soppressione dell’articolo 243A

In questo articolo criminalizza la negligenza – la nozione di culpa in legge – che porta ad aborto. La rimozione di questo articolo è sconcertante a dir poco, dato che anche i sostenitori pro-choice sostengono per garantire che la negligenza che porta alla perdita involontaria di una gravidanza è soggetta a sanzioni.

Il pericolo di questa proposta risiede emendamento nella sua logica, data alla fine del disegno di legge: “L’articolo 243A è contemplato dall’articolo 225 e dall’articolo 226 del vigente Codice Penale”. Questo solleva una enorme bandiera rossa.

Gli articoli rivendicazioni disegno di legge per già coprono aborto spontaneo colposo riguardano omicidio involontario e lesioni personali involontaria. Un elemento cruciale distingue questi articoli da questo articolo che viene eliminato da questa legge: mentre il primo si riferiscono a danni impegnata per l’uomo – nato, vive, gli esseri umani – il secondo si riferisce a danni impegnata a un feto o embrione. Alcuni potrebbero sostenere che essi sono la stessa cosa, e tuttavia, anche una legge scritta nel 1856 distingue tra i due.

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate. Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.