Pjazza Teatru RjalQuindi con unelezione incombente

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

Pjazza Teatru Rjal.

Quindi, con un’elezione incombente, ci sono quelli di noi che sperano che lo sviluppo di Pjazza Teatru Rjal in un teatro adeguato sarà sulle carte di almeno una delle parti.

Sebbene il Maltese abbia sempre ospitato questo desiderio, l’attenzione su questo spazio intensificata quando è in esecuzione fino all’elezione 2013, il governo Lawrence Gonzi ha commissionato il Super Architect Renzo Renzo Piano per progettare un nuovo ingresso a Valletta con un Parlamento all’avanguardia in mente. Molti di noi hanno paura che la vecchia casa dell’Opera sarebbe stata abbattuta completamente per far posto al nuovo edificio del Parlamento. Ero uno di quelli che si sono opposti a questa idea da quest’idea come credevo, quindi come credo che questo spazio dovrebbe essere riservato per le arti.

Il Piano Renzo è venuto con un compromesso in cui l’edificio doveva essere sviluppato in un teatro all’aperto e l’edificio del Parlamento doveva essere costruito nell’adiacente Piazza della Libertà. Quando ho visto i piani, ammetto di essere stato a favore dell’idea. Lasciami spiegare perché.

Prima di tutto, Malta manca di spazi che possono essere finanziariamente validi come spazi teatrali aperti. Nella mia carriera come produttore teatrale ho avuto solo due volte una produzione all’aperto (le metamorfiche dell’Ovidid a Fort St Elmo e il gioco di Brad Birch a TA “Qali Stadium), ma questo doveva essere fortemente sovvenzionato da organismi governativi esterni. Non avrei mai concesso di mettere in scena queste produzioni senza sostanziale aiuto finanziario.

Con un’elezione incombente, ci sono quelli di noi che sperano che lo sviluppo di Pjazza Teatru Rjal in un teatro adeguato sarà sulle carte di almeno una delle parti.

Secondo punto è che questo spazio doveva essere uno spazio flessibile da utilizzare in base alle esigenze degli artisti. Ciò significa che avrebbe potuto essere usato come oggi, ma anche un artista potrebbe averlo trasformato in uno spazio o una passeggiata nel tondo. Questa flessibilità avrebbe dovuto riflettere nel pacchetto di noleggio ovviamente, ma sarebbe soddisfatto delle esigenze degli artisti.

Allora, cos’è successo?

Qualcuno ha avuto la luminosa idea di installare una fase permanente e quei orribili sedili verdi. Ora è davvero un teatro senza tetto che è adatto per niente. Può solo tenere i mega spettacoli per renderlo redditizio, ma questi non possono essere tenuti a tarda ora a causa degli appartamenti vicini. Molti menzionavano che non è mai stato vitale in primo luogo a causa delle feste tradizionali maltesi in estate, l’unica stagione quando lo spazio può essere utilizzato. Vero ma irrilevante.

Il vero problema con lo spazio è che è 1) costoso e 2) rigido. Espone la mancanza di immaginazione e conoscenza del teatro da coloro che hanno continuato a installare quei sedili orribili. Lo spazio è stato fatto per essere proscenio quando è in realtà, avrebbe potuto essere malleabile.

Purtroppo, questo è ciò che accade quando le autorità non ascoltano gli artisti, le persone che useranno lo spazio in questo caso.

Come è in questo momento, sarebbe meglio per lo spazio essere ricostruito in una buona casa d’opera vecchio stile. Ma ci sono ancora altre soluzioni. Se solo le autorità ascolteranno gli artisti!

Pjazza Teatru Rjal

———

Pjazza Teatru Rjal

So, with an election looming, there are those of us who are hoping that the development of Pjazza Teatru Rjal into a proper theatre will be on the cards of at least one of the parties.

Although the Maltese have always harbored this wish, attention to this space intensified when in the run up to the 2013 election, Lawrence Gonzi’s government commissioned super architect Renzo Piano to design a new entrance to Valletta with a State-of-the-Art Parliament in mind. Many of us were afraid that the Old Opera House would be knocked down completely to make way for the new Parliament Building. I was one of those who opposed this idea vociferously as I believed then as I believe now that this space should be reserved for the Arts.

Renzo Piano came up with a compromise where the building was to be developed into an open air theatre and the Parliament Building was to be built in the adjacent Freedom Square. When I saw the plans, I admit to have been in favour of the idea. Let me explain why.

First of all, Malta direly lacks spaces that can be financially viable as open-air theatre spaces. In my career as a theatre producer I only twice held an open-air production (Ovid’s METAMORPHOSES at Fort St Elmo and Brad Birch’s GAME at Ta’ Qali Stadium) but this had to be heavily subsidized by external Government bodies. I would never have afforded to stage these productions without substantial financial help.

With an election looming, there are those of us who are hoping that the development of Pjazza Teatru Rjal into a proper theatre will be on the cards of at least one of the parties.

Second point is that this space was to be a flexible space to be used according to the artistes’ needs. This means that it could have been used as is today, but also an artist could have turned it into an in-the-round space or promenade. This flexibility would have needed to be reflected in the rental package obviously but it would have catered for the artistes’ needs.

So, what happened?

Someone had the bright idea of installing a permanent stage and those awful green seats. Now it really is a roofless theatre that is fit for nothing. It can only hold mega shows to make it viable but these can’t be held at a late hour because of the neighbouring flats. Many mention that it was never viable in the first place because of the Maltese traditional Festas in summer, the only season when the space can be used. True but irrelevant.

The real problem with the space is that it is 1) expensive and 2) rigid. It exposes the lack of imagination and theatre knowledge by those who went on to install those horrible seats. The space was made to be proscenium when in reality, it could have been malleable.

Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.