precetti corrono contrarie alle nostre inclinazion

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

precetti corrono contrarie alle nostre inclinazioni naturali, e senza l’aiuto della grazia sarebbe impossibile
di capirli, di gran lunga meno di metterle in pratica.
Cara mamma, mi sento che io stesso ho espresso con più del solito confusione, e io no
sa cosa si può trovare a interessare in queste pagine vagante, ma io non sto puntando ad una letteraria
capolavoro, e se mi stanco da questo discorso sulla carità, sarà almeno dimostrare buona del vostro bambino
volere. Devo confessare che sono lontano dal vivere fino al mio ideale, ma la stessa voglia di farlo mi dà
una sensazione di pace. Se cado in qualche colpa, mi alzo di nuovo in una sola volta, e da qualche mese ho
nemmeno dovuto lottare. Sono stato in grado di dire con il nostro Santo Padre, San Giovanni della Croce: “Il mio
casa è del tutto in pace,” e mi attribuiscono questo pace interiore ad una vittoria ho guadagnato su me stesso. Dal momento
che la vittoria, i padroni di casa del Cielo sono affrettati in mio aiuto, perché non mi permetteranno di essere ferito,
ora che ho combattuto così valorosamente.
Una santa suora della nostra comunità mi ha infastidito in tutto quello che ha fatto; il diavolo deve aver avuto qualcosa
a che fare con essa, e lui è stato senza dubbio che mi ha fatto vedere nei suoi tanti punti sgradevoli. io
non ha voluto cedere al mio naturale antipatia, per mi sono ricordato che la carità deve tradire se stesso
nei fatti, e non esiste solo nei sentimenti, così mi sono messo a fare per questa sorella tutto quello che ho dovuto fare per
quello che amava di più. Ogni volta che l’ho incontrata ho pregato per lei, e offerto a Dio le sue virtù e
meriti. Ho sentito che questo è stato molto piacevole per il Signore, perché non c’è artista che non è gratificato quando
le sue opere sono lodati, e l’artista divino delle anime è contento quando non ci fermiamo presso l’esterno,
ma, penetrando al santuario interno Egli ha scelto, ammirare la sua bellezza.
Io non accontentarsi di pregare per questo Sorella, che mi ha dato tali occasioni per la padronanza di sé,
Ho cercato di renderla il maggior numero di servizi che potevo, e quando la tentazione di risponderle bruscamente, ho fatto
fretta di sorridere e cambiare argomento, per l’Imitazione dice: “E ‘più redditizio per lasciare tutti
al suo modo di pensare piuttosto che cedere il passo a discorsi contenzioso “. E a volte, quando il
tentazione era molto severo, vorrei correre come un disertore dal campo di battaglia, se ho potuto farlo senza
lasciando che la suora indovinare la mia lotta verso l’interno.
Un giorno mi disse con un viso raggiante: “Mio caro Soeur Thérèse, me quello che dicono attrazione
a trovare in me, per ogni volta che ci incontriamo, mi salutano con un sorriso così dolce.” Ah! Quello che ha attratto
me era Gesù nascosto nel profondo della sua anima, Gesù che fa dei dolci, anche ciò che è più
amaro.
Ho parlato poco fa, cara Madre, del volo che è la mia ultima risorsa per sfuggire sconfitta. Non è
onorevole, lo confesso, ma durante il mio noviziato, ogni volta che ho fatto ricorso a questo mezzo, è invariabilmente
successo. Vi darò un esempio lampante, che, sono sicuro, divertire voi. Tu fossi stato malato
con la bronchite per diversi giorni, ed eravamo tutti a disagio su di te. Una mattina, al mio dovere come
sacrestano, mi è venuto a mettere indietro le chiavi della Comunione-reticolo. Questo era il mio lavoro, e io ero
molto contento di avere l’opportunità di vedere voi, anche se ho preso buona cura di non farlo vedere. Uno di
le suore, pieno di premure, temuto dovrei svegliare te, e ha cercato di prendere le chiavi da me. ho detto
lei come educatamente che potevo, che ero molto ansiosa quanto lei era non ci dovrebbe essere nessun rumore, e ha aggiunto
che era il mio diritto di restituirli. Vedo ora che sarebbe stato più perfetto semplicemente a cedere,
ma non ho visto allora, e così la seguii nella stanza. Ben presto quello che lei temeva è venuto a

https://amzn.to/37TPzal

——

precepts run contrary to our natural inclinations, and without the help of grace it would be impossible
to understand them, far less to put them in practice.
Dear Mother, I feel that I have expressed myself with more than usual confusion, and I do not
know what you can find to interest you in these rambling pages, but I am not aiming at a literary
masterpiece, and if I weary you by this discourse on charity, it will at least prove your child’s good
will. I must confess I am far from living up to my ideal, and yet the very desire to do so gives me
a feeling of peace. If I fall into some fault, I arise again at once—and for some months now I have
not even had to struggle. I have been able to say with our holy Father, St. John of the Cross: “My
house is entirely at peace,” and I attribute this interior peace to a victory I gained over myself. Since
that victory, the hosts of Heaven have hastened to my aid, for they will not allow me to be wounded,
now that I have fought so valiantly.
A holy nun of our community annoyed me in all that she did; the devil must have had something
to do with it, and he it was undoubtedly who made me see in her so many disagreeable points. I
did not want to yield to my natural antipathy, for I remembered that charity ought to betray itself
in deeds, and not exist merely in the feelings, so I set myself to do for this sister all I should do for
the one I loved most. Every time I met her I prayed for her, and offered to God her virtues and
merits. I felt that this was very pleasing to Our Lord, for there is no artist who is not gratified when
his works are praised, and the Divine Artist of souls is pleased when we do not stop at the exterior,
but, penetrating to the inner sanctuary He has chosen, admire its beauty.
I did not rest satisfied with praying for this Sister, who gave me such occasions for self-mastery,
I tried to render her as many services as I could, and when tempted to answer her sharply, I made
haste to smile and change the subject, for the Imitation says: “It is more profitable to leave everyone
to his way of thinking than to give way to contentious discourses.” And sometimes when the
temptation was very severe, I would run like a deserter from the battlefield if I could do so without
letting the Sister guess my inward struggle.
One day she said to me with a beaming face: “My dear Soeur Thérèse, tell me what attraction
you find in me, for whenever we meet, you greet me with such a sweet smile.” Ah! What attracted
me was Jesus hidden in the depths of her soul—Jesus who maketh sweet even that which is most
bitter.
I spoke just now, dear Mother, of the flight that is my last resource to escape defeat. It is not
honourable, I confess, but during my noviciate, whenever I had recourse to this means, it invariably
succeeded. I will give you a striking example, which will, I am sure, amuse you. You had been ill
with bronchitis for several days, and we were all uneasy about you. One morning, in my duty as
sacristan, I came to put back the keys of the Communion-grating. This was my work, and I was
very pleased to have an opportunity of seeing you, though I took good care not to show it. One of
the Sisters, full of solicitude, feared I should awake you, and tried to take the keys from me. I told
her as politely as I could, that I was quite as anxious as she was there should be no noise, and added
that it was my right to return them. I see now that it would have been more perfect simply to yield,
but I did not see it then, and so I followed her into the room. Very soon what she feared came to

Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.