Se non riusciamo a capire se Britney Spears fosse

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

Non nominando i miei predatori, consento loro di fare più danni? Riconoscendo le sfumature delle mie esperienze, consegno gli strumenti a qualsiasi reazionario che cerchi di armare la “zona grigia”?

I termini in cui sono costrette così tante storie di violenza sessuale e le richieste poste alle vittime e agli autori di abusi di guardare e agire in modo riconoscibile, fanno sembrare il pensiero di nominare il mio aggressore in pubblico qualcosa che mi causerebbe solo più dolore. Così come la possibilità che qualsiasi vigilante auto-nominato tenti di farlo per mio conto. L’idea di monitorare una folla che non ho chiesto suona estenuante, sia che questa folla stia venendo per la sua testa o per la mia. La consapevolezza che la mia esperienza si sarebbe tramutata in un fascino per il suo carattere morale mi fa venire voglia di restare offline per sempre. È facile immaginare un mondo in cui l’infatuazione del pubblico per la fama ha la priorità sui bisogni di un sopravvissuto.

Tornando al testo di Fiona Apple, sono stato predato da uomini che ora sono papà. È esasperante vedere la virtuosità attribuita loro solo per aver generato dei figli, perché mi fa indovinare le loro azioni. Ma le loro azioni sono già avvenute. Ero lì. Vedendoli ribattezzati come papà, divento disperato di fornire un correttivo che rifletta la mia realtà. Mi fa anche sentire stranamente obbligata a proteggere le loro famiglie, come se fossi la madre di tutti. Allora mi risento per l’obbligo. Non sono il loro pubblicista o amico. Non ho alcuna responsabilità verso le persone che mi hanno violentata e sfruttata o che mi hanno insegnato ad odiarmi valorizzando le cose che una donna non può mai essere: infantile, innocente, inesperta. Puro.

Eppure ne sento uno. Che peso, portare in giro non solo quello che è successo, ma la paura che se non mi controllo, la mia prossima risposta inaspettata al trauma potrebbe facilmente portare a un post sui social media che farebbe saltare in aria tutte le nostre vite. Questo mi fa infuriare. Non ho chiesto questo potere (non sistemico).

Indipendentemente da ciò che scelgo, porto anche il senso di responsabilità verso altri sopravvissuti o potenziali vittime. Non nominando i miei predatori, consento loro di fare più danni? Riconoscendo le sfumature delle mie esperienze, consegno gli strumenti a qualsiasi reazionario che cerchi di armare la “zona grigia”? Faccio in modo che altri sopravvissuti dubitino della propria autorità o creo un ambiente più ostile per coloro che desiderano parlare?

Affermare di essere vittima arriva con più bagagli di quelli che posso iniziare a coprire qui. È il motivo per cui il mio cervello ha scelto a lungo l’apologismo della negazione e dello stupro, anche se ho avuto attacchi di panico durante il sesso, ho rivissuto momenti di violenza e piacere a intervalli casuali che mi hanno mandato in giorni di depressione e rabbia, ho modificato il mio browser web e le app per evitare menzione del mio aggressore e esperienze che avrebbero ricreato il brivido di essere un oggetto sessuale segreto, che mi ha fatto conoscere più dei miei stupratori. Anni dopo, sconvolta da quanto potere questi eventi avessero ancora su di me, ho cercato la terapia del trauma su consiglio di uno psicoterapeuta. Continuo a lavorare attraverso una relazione distorta con il desiderio e con il mio corpo. Sono queste le vivaci esperienze sessuali che il mio aggressore pensava che mi sarei divertito una volta che le sabbie del tempo hanno segnalato il suo prossimo capitolo e mi hanno mandato in quell’habitat naturale, il mio “primo”?

UNA GRANDE STORIA: UNA NEWSLETTER NOTTURNA PER IL MEGLIO DI NEW YORK

L’unica storia da non perdere oggi, selezionata dalla redazione di New York.

E-mail

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Termini e informativa sulla privacy

TAG:

 

CULTURA

 

CELEBRITÀ

 

BRITNEY SPEARS

 

TAVI GEVINSON

 

BRITNEY LIBERO

 

DI PIÙ

100 COMMENTI

Questo anno senza sesso

SALTA ANNUNCIO

L’ULTIMO

L’ANNO INDIMENTICABILE 9 MINUTI FA

Quest’anno senza sesso Infine, i single e i partner hanno qualcosa in comune.

Di Katie Heaney

I MIEI DUE CENTESIMI 8:00 AM

“Come spendo il mio controllo dello stimolo” Cinque donne per quello che intendono fare con i loro soldi, dal prendere il congedo di maternità all’aiuto ai membri della famiglia.

Di Charlotte Cowles

7:00.

È quella speranza che provo?

IERI ALLE 21:01

Quello che sappiamo sulla scomparsa di Sarah Everard

IERI ALLE 19:57

Tutto quello che sappiamo sulle accuse contro Andrew Cuomo

IERI ALLE 18:02

Gli investigatori stanno riesaminando la morte misteriosa di un adolescente nero

PFW AUTUNNO 2021 IERI ALLE 17:46

Louis Vuitton è qui per conquistare Una collezione in cui l’alta moda trionfa sulla sanità mentale, la noia e gli uomini in giacca e cravatta.

Di Cathy Horyn

IERI ALLE 15:47

Quando i bambini saranno in grado di ottenere il vaccino COVID?

IERI ALLE 15:10

Grazie per averci mostrato il tuo merchandising

PFW AUTUNNO 2021 IERI ALLE 14:16

I tre grandi temi della settimana della moda di Parigi Tra Miu Miu e Thom Browne, Chanel e Dior, sono emersi alcuni modelli.

Di Cathy Horyn

IERI ALLE 14:08

Meghan Markle ha presentato un reclamo formale contro Piers Morgan

IERI ALLE 13:34

Rompere un dito di recente? Non sei solo.

IERI ALLE 11:35

Alexander Wang ha incontrato i suoi accusatori

IERI ALLE 10:46

Un autista Uber asiatico è stato spruzzato al pepe e tossito dai motociclisti

IERI ALLE 10:40

L’Arkansas ha appena approvato un divieto quasi totale di aborto

THE CUT PODCAST IERI ALLE 9:56

Esci dalla tua testa Erbaccia, TikTok e serbatoi d’acqua: abbiamo provato di tutto.

Dal taglio

L’ANNO INDIMENTICABILE DI IERI ALLE 9:00

Cosa dovremmo indossare adesso? A un anno dall’inizio della pandemia, non ci sono più codici di abbigliamento.

Di Molly Young

FISSAZIONI IERI ALLE 8:30

Penso molto alle “figlie” di John Mayer Nessun essere umano è abbastanza potente da non sentire “le ragazze diventano amanti che si trasformano in madri”.

Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.