Seconda LetturaDagli Atti del martirio di san Gius

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

Seconda LetturaDagli Atti del martirio di san Giustino e dei suoi santi compagni

Ho accettato le vere dottrine dei cristiani

I santi furono catturati e condotti davanti al prefetto di Roma, il cui nome era Rusticus. Mentre si trovavano davanti al tribunale, Rusticus il prefetto disse a Giustino: “Soprattutto, abbi fede negli dei e obbedisci agli imperatori”. Giustino ha detto: “Non possiamo essere accusati o condannati per aver obbedito ai comandi del nostro Salvatore, Gesù Cristo”.

Rusticus disse: “Quale sistema di insegnamento professi?” Justin ha detto: “Ho cercato di conoscere ogni sistema, ma ho accettato le vere dottrine dei cristiani, sebbene queste non siano approvate da coloro che sono tenuti fermi dall’errore”.

Disse il prefetto Rustico: “Sono da te approvate quelle dottrine, miserabile che sei?” Justin ha detto: “Sì, perché li seguo con il loro insegnamento corretto”.

Il prefetto Rusticus disse: “Che razza di insegnamento è questo?” Giustino ha detto: “Adora il Dio dei cristiani. Riteniamo che sia fin dall’inizio l’unico creatore e artefice dell’intera creazione, delle cose viste e delle cose invisibili. Adoriamo anche il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio. Fu predetto dai profeti come futuro araldo di salvezza per il genere umano e maestro di illustri discepoli. Per quanto mi riguarda, poiché sono un essere umano, considero insignificante ciò che dico in confronto alla sua divinità infinita. Riconosco l’esistenza di un potere profetico, perché colui di cui ho appena parlato come il Figlio di Dio è stato oggetto di profezia. So che i profeti furono ispirati dall’alto quando parlarono della sua venuta tra gli uomini”.

Rusticus disse: “Sei cristiano, allora?” Justin ha detto: “Sì, sono un cristiano”.

Il prefetto disse a Giustino: “Sei chiamato uomo istruito e pensi di sapere qual è il vero insegnamento. Ascolta: se fossi flagellato e decapitato, sei convinto che saliresti in cielo?” Giustino ha detto: “Spero di entrare nella casa di Dio se soffro in quel modo. Poiché so che il favore di Dio è riservato fino alla fine del mondo intero per tutti coloro che hanno vissuto una vita buona».

Il prefetto Rusticus disse: “Hai idea che salirai in cielo per ricevere qualche ricompensa adeguata?” Justin ha detto: “Non è un’idea che ho; è qualcosa che conosco bene e che tengo per esserne più sicuro”.

Il prefetto Rusticus ha detto: “Adesso veniamo al punto in questione, che è necessario e urgente. Radunatevi allora e di comune accordo offrite un sacrificio agli dèi». Giustino ha detto: “Nessuno che ha il pensiero giusto si abbassa dalla vera adorazione alla falsa adorazione”.

Il prefetto Rusticus disse: “Se non farete ciò che vi sarà comandato sarete torturati senza pietà”. Giustino ha detto: “Speriamo di soffrire tormenti per amore di nostro Signore Gesù Cristo, e così essere salvati. Perché questo ci porterà salvezza e fiducia mentre ci troviamo davanti al più terribile e universale trono del giudizio del nostro Signore e Salvatore”.

Allo stesso modo dicevano anche gli altri martiri: “Fai quello che vuoi. Siamo cristiani; non offriamo sacrifici agli idoli”.

Il prefetto Rustico pronunciò la sentenza, dicendo: “Coloro che si sono rifiutati di sacrificare agli dèi e di obbedire al comando dell’imperatore siano flagellati e condotti alla pena capitale secondo la norma delle leggi”. Glorificando Dio, i santi martiri uscirono nel luogo consueto. Furono decapitati, e così adempirono la loro testimonianza di martirio confessando la loro fede nel loro Salvatore.

Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.