Seconda letturaDal trattato Sui misteri di santAmb

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

Seconda letturaDal trattato “Sui misteri” di sant’Ambrogio vescovo

Le molte prefigurazioni del battesimo nella Scrittura

Ascolta l’insegnamento dell’Apostolo: Tutti i nostri padri furono sotto la nuvola, e tutti passarono per il mare, e furono tutti battezzati in Mosè nella nuvola e nel mare. Inoltre, Mosè stesso canta in trionfo: hai mandato il tuo Spirito e il mare li ha coperti. Come vedete, il santo battesimo era prefigurato già allora all’attraversamento del mare, dove perirono gli egiziani ma gli ebrei fuggirono. Cos’altro, dopo tutto, ci viene insegnato ogni giorno sul battesimo? Che con l’immersione nell’acqua si inghiotte la colpa e si elimina l’errore, ma che la virtù e l’innocenza restano intatte.

Hai sentito dire che i nostri padri erano sotto la nuvola, una nuvola gentile che raffreddava il calore delle passioni carnali. Quella nuvola benevola adombra coloro che lo Spirito Santo visita. Alla fine venne sulla Vergine Maria, e la potenza dell’Altissimo l’oscurò, quando concepì la Redenzione per la razza degli uomini. Il miracolo operato da Mosè era una prefigurazione di questo miracolo. Ma poi – se lo Spirito era nella figura, come potrebbe non essere presente nella realtà? Come dice la Scrittura, la legge è stata data da Mosè, ma la grazia e la verità sono venute da Gesù Cristo.

Mara era una sorgente di acqua insopportabilmente amara: Mosè vi gettò della legna ed essa divenne dolce. Perché vedete: l’acqua senza la predicazione della Croce del Signore non serve alla salvezza futura, ma, dopo che è stata consacrata dal mistero del legno della Croce salvifica, è resa idonea all’uso della spiritualità purificazione e del calice della salvezza. Così come Mosè (cioè il profeta) gettò legna in quella fonte, così il sacerdote pronuncia sopra questa fonte l’annuncio della croce del Signore, e l’acqua è addolcita a scopo di grazia.

Non ti devi dunque fidare interamente dei tuoi occhi corporei. Ciò che non si vede è in realtà visto più chiaramente; poiché ciò che vediamo con i nostri occhi è temporale, mentre ciò che è eterno (e invisibile agli occhi) è percepito dalla mente e dallo spirito.

C’è un’ultima lezione da imparare dal libro dei Re che abbiamo appena letto. Naaman era un siriano e soffriva di lebbra e non c’era nessuno che potesse purificarlo. Allora una fanciulla tra i prigionieri disse che c’era un profeta in Israele, che poteva purificarlo dalla contaminazione della lebbra. E si dice che, dopo aver preso argento e oro, Naaman andò dal re d’Israele. E il re, quando seppe perché Naaman era venuto, si stracciò le vesti, dicendo che questo era un tentativo di metterlo in errore, poiché la lebbra guarire non era in potere dei re. Eliseo, tuttavia, mandò a dire al re di mandargli il siro, affinché sapesse che c’era un Dio in Israele. E quando fu venuto, gli disse di immergersi sette volte nel fiume Giordano.

Naaman dubitò fino al momento in cui fu purificato; ma ormai sei purificato, e quindi non dovresti avere dubbi.

Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.