Un passo troppo lontanoIl leader della lettera del

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

Un passo troppo lontano

Il leader della lettera dell’opposizione alla task force di azione finanziaria (FATF) è stata una decisione sconsiderata, un errore e un passo troppo lontano.

La prossima settimana sarà cruciale per Malta. Si prevede che il Plenario FATF si riunirà mercoledì a decidere se mettere a mezzi a Malta sul greylist, come una “giurisdizione monitorata con carenze strategiche nei suoi regimi di contrastare il riciclaggio di denaro, il finanziamento del terrorismo e il finanziamento della proliferazione”.

Sulla tabella sarà il rapporto tecnico di Moneyval pubblicato il mese scorso, che il verde ha illuminato le riforme strutturali di Malta condotte nell’ultimo anno e mezzo.

Con i rapporti che si affracinano nei media che non vi è alcun consenso tra i membri di FATF sulla via da seguire, il leader dell’opposizione di Malta si precipitò alla sua scrivania per rilasciare una lettera al Segretario Esecutivo della Task Force e poi ha registrato un messaggio video al pubblico maltese .

Con il passare del tempo, l’opposizione si renderà conto che questo era ancora un altro decisione sbagliata, che è stato ricevuto negativamente dal maltese. Nella sua reazione, il leader dell’opposizione ha fatto poco per riconoscere gli sforzi compiuti dall’attuale amministrazione per scuotere il quadro finanziario e legale di Malta, e impegnato a ripristinare la reputazione di Malta se eletto il primo ministro.

Il leader della lettera dell’opposizione alla Task Force Financial Action è stata una decisione mal consigliata, un errore e un passo troppo lontano.

Ciò che avrebbe dovuto fare il capo dell’opposizione era quello di offrire il supporto del governo pieno sia a livello locale che all’estero attraverso contatti ben consolidati, per convincere i membri di FATF che Malta ha effettivamente trasformato la marea. Questa è ciò che le famiglie e le imprese maltese si aspettavano dall’opposizione, ma purtroppo, ancora una volta, non è riuscito a ottenere il messaggio e ha perso un’altra opportunità per inviare un messaggio di unità.

Ci sono una serie di motivi per cui questo avrebbe dovuto essere l’ovvio linea d’azione per Bernard Grech:

In primo luogo, sono stati compiuti cambiamenti concreti, la maggior parte dei quali ha visto la benedizione dell’opposizione in Parlamento. E l’efficacia di questi cambiamenti è stata riconosciuta dal denaro stesso, affermando che Malta era tra i primi paesi a diventare conforme o ampiamente conforme a tutte le raccomandazioni FATF. Inoltre, questi cambiamenti vengono anche sentiti da persone maltesi, con il recente studio internazionale di trasparenza che confermano questo.

In secondo luogo, il verdetto della prossima settimana dovrebbe rimanere strettamente tecnico e non deve mai essere voltato politico. La sentenza dovrebbe essere fatta esclusivamente sul fatto che Malta abbia affrontato le raccomandazioni FATF. Il greylist di un paese con problemi zero non conformità e solo tre punti di basso livello di efficacia non sarebbero senza precedenti. L’islandese Greylist nel 2019 è stato il risultato di sei bassi livelli di efficacia e due punti di non conformità. Più sorprendentemente, gli Stati Uniti hanno quattro problemi di non conformità ma non è sul greylist.

In terzo luogo, dovrebbe essere collocata Malta sul greylist, tutta la Malta soffrebbe. Non il governo, né il partito laburista, ma tutti. Questo di per sé dovrebbe essere stato motivo abbastanza per ottenere tutte le mani sul ponte nei nostri sforzi diplomatici per convincere altri paesi che Malta non merita di essere greylisted.

Tutto non è ancora perso come i prossimi giorni saranno critici e decisivi. La nostra dimensione ci espone agli interessi dei grandi giocatori che realizzeranno questo giudizio. Ecco perché dobbiamo tirare la stessa corda e pensare strategicamente, nell’interesse delle famiglie e delle imprese maltese.

A step too far


———

A step too far

The Leader of the Opposition’s letter to the Financial Action Task Force (FATF) was an ill-advised decision, a mistake, and a step too far.

Next week will be crucial for Malta. The FATF Plenary is expected to meet on Wednesday to decide on whether to put Malta on the greylist, as a “monitored jurisdiction having strategic deficiencies in its regimes to counter money laundering, terrorist financing and proliferation financing.”

On the table will be MONEYVAL’s technical report published last month, which green lighted Malta’s structural reforms conducted in the past year and a half.

With reports surfacing in the media that there is no consensus among FATF members on the way forward, Malta’s Leader of the Opposition rushed to his desk to issue a letter to the Executive Secretary of the Task Force and then recorded a video message to the Maltese public.

As time passes, the Opposition will realise that this was yet another mistaken decision, which was negatively received by the Maltese. In his reaction, the Leader of the Opposition did little to acknowledge the efforts made by the current administration to shake up Malta’s financial and legal framework, and pledged to restore Malta’s reputation if elected Prime Minister.

The Leader of the Opposition’s letter to the Financial Action Task Force was an ill-advised decision, a mistake, and a step too far.

What the Leader of the Opposition should have done was to offer Government full support both locally and abroad through well-established contacts, to convince FATF members that Malta has indeed turned the tide. This is what Maltese families and businesses expected from the Opposition, but sadly, once more, it failed to get the message and has missed another opportunity to send a message of unity.

There are a number of reasons why this should have been the obvious course of action for Bernard Grech:

Firstly, concrete changes have been made, most of which saw the Opposition’s blessing in Parliament. And the effectiveness of these changes was acknowledged by MONEYVAL itself, stating that Malta was among the first countries to become compliant or largely compliant with all FATF recommendations. Moreover, these changes are also being felt by Maltese people, with the recent Transparency International study confirming this.

Secondly, next week’s verdict should remain strictly technical and must never be turned political. Judgment should be made solely on whether Malta addressed the FATF recommendations. The greylisting of a country with zero non-compliance issues and only three low level of effectiveness points would be unprecedented. Iceland’s greylisting in 2019 was the result of six low levels of effectiveness and two non-compliance points. More astonishingly, the United States has four non-compliance issues but is not on the greylist.

Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.