Valutare i dossi sulla strada della ripresa econom

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

Valutare i dossi sulla strada della ripresa economica di Malta

In tutto il mondo, gli economisti prevedono tassi molto consistenti di crescita del PIL. Tuttavia, essi sono anche suonando alcune parole importanti di avvertimento. Se uno di un’economia forte calo nel 2020, un alto tasso di crescita nel 2021 non significa necessariamente che le cose sono tornate alla normalità. Per dare un esempio smussato, se l’uscita di un’impresa sceso da € 20 milioni nel 2019 a € 10 milioni nel 2020, o del 50%, se nel 2021 la sua produzione aumenta del 50%, sarebbe comunque a € 15 milioni, o € 5.000.000 inferiore al suo 2019 in uscita.

Oltre a questo problema di come interpretare i dati economici nei periodi di alta fluttuazione, tuttavia questo è un problema più fondamentale noto nella letteratura economica come “cicatrici”. Sia la BCE e l’FMI hanno brillato una luce su questa sfida. Come risultato della recessione, “le aziende chiudono, la spesa per investimenti è tagliato, e persone senza lavoro può perdere le competenze e la motivazione”. Inoltre, spettacoli di letteratura che, quando le recessioni economiche colpiscono il settore finanziario, l’impatto a lungo termine possono essere molto significativi. Le banche ritirano a “leccarsi le ferite”, che porta ad abbassare l’accesso ai finanziamenti, ostacolando gli investimenti e l’innovazione.

La recessione 2008 a Malta è stata relativamente breve e poco profonda quando si guarda numeri del PIL. Già nel 2010 il PIL aveva ripreso e superato il livello del 2008. Eppure c’erano stati danni a lungo termine. Il numero dei disoccupati registrati, che a metà del 2008 si erano stabiliti al di sotto di 6000, era saltato a 7.500 un anno dopo. Nel marzo 2013 era ancora 7.350, ed è stato al di sotto di 6.000 solo a metà del 2015. di produzione di valore aggiunto in termini reali è rimasto al di sotto del livello del 2008 fino al 2017. I crediti in sofferenza delle banche centrali di Malta erano al di sotto del 5% a metà del 2008, ma entro il 2013 sono stati quasi il doppio di tale tasso. Ci sono voluti fino al 2017 per il rapporto a cadere al suo livello la metà del 2008. Il punto più alto del sentimento economico della Commissione europea Indicatore per Malta ha raggiunto nei primi mesi del 2008 è stato senza pari fino alla fine 2017.

Dato che l’impatto del PIL esercitata dalla pandemia era dieci volte quella esercitata dalla crisi del 2008, non sarebbe stato incolpato di essere un po ‘preoccupati per cicatrici effetti. Sarà inevitabilmente una domanda che i responsabili politici, sia locali che internazionali, saranno valutare.

I primi segnali sono comunque molto promettente. Cominciamo con il mercato del lavoro. Il numero di chi si iscrive per il lavoro ha raggiunto un picco di oltre 4.400 nella prima settimana di giugno 2020. Questo è stato due volte e mezzo il numero all’inizio della pandemia. Tuttavia a partire dalla settimana dopo che il governo ha lanciato il piano di rilancio economico, ogni settimana il numero di chi si iscrive è caduto. Siamo ora a una cifra che è leggermente sopra 2.000. Se si considera che la media storica è 6.000, la quantità corrente di disoccupati registrati indica che piuttosto che preoccuparsi della disoccupazione, i politici potrebbe essere necessario iniziare a preoccuparsi di carenze di manodopera.

sentimento economico era crollato nei primi mesi della pandemia. Da un valore di indice di 105 dopo il bilancio 2020, indice di sentimento economico della Commissione per Malta era precipitato a un minimo storico di 63 nel mese di aprile 2020, uno dei più grandi gocce in tutta l’UE. Eppure, un anno dopo, l’indice è attualmente pari a 117,3, il suo valore migliore dal 2018.

Anche gli spettacoli del settore finanziario molto incoraggianti segnali. Il rapporto tra sofferenze alla fine del 2020 era 3,7%, dal 3,2% di fine 2019. La media storica di questo rapporto è quasi il doppio. Anche cinque anni fa, il rapporto era vicino al 7%. Il più recente della Banca centrale di Malta Aggiornamento economica indica che alla fine di marzo ci sono stati € 417 milioni in prestiti che erano ancora beneficiando della moratoria annunciati all’inizio della pandemia. Come si può vedere dalla tabella, al suo apice c’erano € 1.927 milioni di prestiti nell’ambito di questo sistema, o quasi 5 volte tanto. In settori quali trasporto, che nell’agosto 2020 costituisce secondo più settore dipendente da tale assistenza, con quasi il 40% di tutti i prestiti incapaci di essere servite, siamo ora fino a 1%. Nel settore immobiliare, dal 34% siamo scesi al 6%. In dipendenza all’ingrosso e al dettaglio sulla moratoria è al 3%, dal 23% in agosto. Tra le famiglie solo circa 700 sono ancora chiedendo per questo beneficio, giù da un picco di oltre 7.200. Anche nel settore della ricettività e servizi di ristorazione, il bisogno di questa assistenza è più che dimezzato.

Nonostante la pandemia nel 2020 il numero di società a responsabilità limitata ancora aumentato del 717. La resilienza delle imprese di Malta è attestata dal fatto che un decimo di questo aumento era in alloggio e servizi di ristorazione settore all’ingrosso e al dettaglio, trasporti e, quei settori più colpito dalla pandemia.

Tutto questo suggerisce che il tentativo del governo di proteggere la capacità produttiva di Malta è riuscita e che, con il nostro motore di business intatta, la nostra ripresa economica non vacillare lo farà.

Assessing the bumps on the road to Malta’s economic recovery


———–

Assessing the bumps on the road to Malta’s economic recovery

Across the globe, economists are forecasting very substantial rates of GDP growth. However, they are also sounding some important words of warning. If one’s economy dropped sharply in 2020, a high rate of growth in 2021 does not necessarily mean that things are back to normal. To give a blunt example, if a firm’s output fell from €20 million in 2019 to €10 million by 2020, or by 50%, if in 2021 its output rises by 50%, it would still be at €15 million, or €5 million lower than its 2019 output.

Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.