Vangelo Giovanni 19 2534 Ecco tuo figlio Ecco tua

TheMummichogblog è un partecipante al Amazon Services LLC Associates programma, un programma di affiliazione pubblicitario progettato per fornire un mezzo per siti per guadagnare tariffe pubblicitarie con la pubblicità e il link al amazon.com. Amazon, il logo di Amazon, AmazonSupply, e il logo AmazonSupply sono marchi di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

Vangelo Giovanni 19: 25-34 ©

«Ecco tuo figlio. Ecco tua madre.

Vicino alla croce di Gesù stavano sua madre e la sorella di sua madre, Maria, la moglie di Clopa, e Maria di Magdala. Vedendo sua madre e il discepolo che amava in piedi vicino a lei, Gesù disse a sua madre: “Donna, questo è tuo figlio”. Quindi al discepolo disse: “Questa è tua madre”. E da quel momento il discepolo fece un posto. per lei a casa sua.

Dopo questo, Gesù seppe che ora tutto era stato completato, e per adempiere perfettamente le Scritture disse: “Ho sete”.

C’era un barattolo pieno di aceto, quindi, mettendo una spugna imbevuta di aceto su un bastoncino di issopo, gliela tenevano all’altezza della bocca. Dopo che Gesù ebbe preso l’aceto, disse: “È compiuto”; e chinando il capo rinunciò al suo spirito.

Era il giorno della preparazione, e per evitare che i corpi rimanessero sulla croce durante il sabato – poiché quel sabato era un giorno di speciale solennità – gli ebrei chiesero a Pilato di rompere le gambe e portare via i corpi. Di conseguenza vennero i soldati e spezzarono le gambe del primo uomo che era stato crocifisso con lui e poi dell’altro. Quando vennero da Gesù, trovarono che era già morto, e così invece di rompergli le gambe uno dei soldati gli trafisse il fianco con una lancia; e subito ne uscirono sangue e acqua.

Amazon e il logo di Amazon sono marchi di Amazon.com, Inc., o delle sue affiliate.